MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
 21 pagine  (309 risultati)
Sicurezza al processo g8 comunicato stampa
GD Genova 5 marzo 2005 13:4
I Giuristi Democratici rilevano l'illegittimità dei provvedimenti adottati dalla Procura Generale per garantire la sicurezza al Processo contro i manifestanti del g8

COMUNICATO STAMPA

L'Associazione Giuristi Democratici di Genova
Rileva che, anche in occasione della prima udienza del processo "G8",
così come già avvenuto in occasione dell'udienza preliminare, la Procura
Generale della Repubblica di Genova abbia affisso nei locali del Palazzo
di Giustizia ove si celebra il processo, un'ordinanza con la quale si
comunica l'adozione di misure di controllo straordinarie a tutela
dell'ordine pubblico, motivata in ragione della "personalità degli
indagati"; tale motivazione esprime una preventiva valutazione negativa
della "personalità" degli indagati, nonostante che fino a che non sia
intervenuta una condanna, tutti gli indagati sono presunti innocenti, ed
è particolarmente grave se si considera l'autorevolezza dell'autorità
che ha adottato il provvedimento de quo.
Rileva inoltre l'illegittimità del divieto di accesso al Palazzo di
Giustizia di telecamere fotocamere e registratori, che costituisce una
ingiustificata limitazione all'esercizio del diritto di cronaca, che non
ha alcuna attinenza con le esigenze di tutela dell'ordine pubblico,
Rileva infine l'illegittimità della facoltà concessa da tale ordinanza
alle Forze dell'Ordine di interdire l'accesso al Palazzo di Giustizia a
tutti coloro che non abbiano "giustificato motivo", stante il carattere
pubblico della maggior parte delle udienze che si celebrano
quotidianamente presso il Tribunale di Genova.
Genova lì 2/3/04
Avv. Dario Rossi
Segretario Sezione Genovese
Associazione Giuristi Democratici