MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 20 pagine  (289 risultati)
3407175915 per gli studenti
Redazione 21 novembre 2008 21:31

Le dichiarazioni intimidatorie del Presidente del Consiglio, le ripetute interviste all'ex Presidente della Repubblica, Cossiga, sul modo di affrontare il Movimento degli Studenti, degli Insegnanti e dei Ricercatori precari, per la loro carica di eversività e di istigazione ad un intervento repressivo sulle lotte in corso, hanno profondamente preoccupato l'Associazione Giuristi Democratici che teme il possibile verificarsi di situazioni nelle quali gli esponenti del Movimento possano essere coinvolti, a livello giudiziario, quali vittime di abusi o quali indagati in ragione della loro lotta.

Da tale preoccupazione é scaturita la decisione di offrire al Movimento l'assistenza legale, al fine di garantire il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero e la libertà di manifestazione.
L'idea ha incontrato il favore di molti avvocati, che si sono dichiarati disponibili ad assumere la difesa, nella non voluta e deprecata ipotesi che ciò si renda necessario.

A tal fine, é stato istituito un numero telefonico di riferimento, 3407175915 cui gli esponenti del Movimento potranno rivolgersi per ottenere informazioni di carattere giuridico ed eventuale assistenza legale.