MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 20 pagine  (289 risultati)
Adesione alla manifestazione del 4 aprile 2009
Redazione 24 marzo 2009 10:27
Il comunicato di adesione dell'associazione nazionale alla manifestazione indetta dalla CGIL.

I Giuristi Democratici, organizzazione di cui fanno parte centinaia di avvocati, giudici e docenti di diritto in oltre venti province italiane, aderiscono alla manifestazione nazionale promossa dalla CGIL per il 4 aprile.

Il momento è grave. Sullo sfondo di una furiosa crisi economica determinata dalla cieca fiducia nei meccanismi dell'economia neoliberale si innesta, in particolare in Italia, un virulento attacco alle istituzioni democratiche e alla Costituzione repubblicana. Il governo Berlusconi, incapace di dare risposte concrete ed effettive alla crisi, alimenta il razzismo, il sessismo, l'oscurantismo e la guerra fra poveri, mentre si moltiplicano le aggressioni squadriste e poliziesche ad operai e studenti in lotta.

Sul piano istituzionale Berlusconi ripropone il suo attacco alla magistratura, di cui vuole menomare l’indipendenza, e al Parlamento che vorrebbe trasformare in un parco-buoi.

In questa difficile situazione i giuristi democratici rilanciano il proprio appello per la democrazia e la difesa dello Stato di diritto, fanno proprio l'appello unitario proposto dall'ARCI e da numerose altre organizzazioni sociali e condividono le parole d'ordine della CGIL: "Giù le mani da salari, pensioni, libertà e diritti. Insieme per costruire un futuro diverso, più democratico, più giusto e solidale".

23 marzo 2009
Associazione Nazionale Giuristi Democratici