MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 20 pagine  (292 risultati)
Adesione alla manifestazione del 4 aprile 2009
Redazione 24 marzo 2009 10:27
Il comunicato di adesione dell'associazione nazionale alla manifestazione indetta dalla CGIL.

I Giuristi Democratici, organizzazione di cui fanno parte centinaia di avvocati, giudici e docenti di diritto in oltre venti province italiane, aderiscono alla manifestazione nazionale promossa dalla CGIL per il 4 aprile.

Il momento è grave. Sullo sfondo di una furiosa crisi economica determinata dalla cieca fiducia nei meccanismi dell'economia neoliberale si innesta, in particolare in Italia, un virulento attacco alle istituzioni democratiche e alla Costituzione repubblicana. Il governo Berlusconi, incapace di dare risposte concrete ed effettive alla crisi, alimenta il razzismo, il sessismo, l'oscurantismo e la guerra fra poveri, mentre si moltiplicano le aggressioni squadriste e poliziesche ad operai e studenti in lotta.

Sul piano istituzionale Berlusconi ripropone il suo attacco alla magistratura, di cui vuole menomare l’indipendenza, e al Parlamento che vorrebbe trasformare in un parco-buoi.

In questa difficile situazione i giuristi democratici rilanciano il proprio appello per la democrazia e la difesa dello Stato di diritto, fanno proprio l'appello unitario proposto dall'ARCI e da numerose altre organizzazioni sociali e condividono le parole d'ordine della CGIL: "Giù le mani da salari, pensioni, libertà e diritti. Insieme per costruire un futuro diverso, più democratico, più giusto e solidale".

23 marzo 2009
Associazione Nazionale Giuristi Democratici