MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
 20 pagine  (293 risultati)
Il Giudice e Fininvest
Redazione 19 ottobre 2009 9:13
Comunicato stampa sul "servizio giornalistico" trasmesso da Canale 5 che attacca il giudice che ha emesso la sentenza nella causa Fininvest-Cir.

Canale 5 ha mandato in onda un servizio su Raimondo Mesiano, il giudice della sentenza Fininvest-Cir, dopo averlo seguito e filmato nella sua vita privata: si tratta dell'ennesimo atto della campagna di intimidazione e denigrazione che é in atto dal giorno della sentenza e della quale, nell'immediatezza, si erano colte le avvisaglie nelle dichiarazioni del Presidente del Consiglio.
Raramente, in passato, si erano vissuti, in Italia, momenti così bui e la sensazione é che si preannuncino tempi ancora più cupi per la democrazia e la libertà dei cittadini, di cui l'autonomia e l'indipendenza dei giudici é un corollario fondamentale.
Non solo é necessario l'intervento del Garante per la Privacy, ma occorre la vigilanza e la risposta di tutti i cittadini democratici al tentativo in atto di creare un clima di timore e di soggezione nei confronti del potere.
Torino, 17 ottobre 2009
Roberto Lamacchia - Presidente dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici