MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 20 pagine  (291 risultati)
Sull'astensione dalle udienze proclamata dall'Unione delle Camere Penali Italiane
Redazione 26 novembre 2009 18:48
I Giuristi Democratici condividono le motivazioni che hanno indotto l'UCPI a proclamare due giornate di protesta il 27 e 28 novembre 2009.

In occasione dell'astensione dalle udienze decisa dall'Unione delle Camere Penali per i giorni 27 e 28 novembre, l'Associazione Nazionale Giuristi Democratici ritiene che le motivazioni su cui é stata indetta la protesta siano, questa volta, motivazioni assolutamente condivisibili per le condizioni in cui versano le carceri italiane e per le conseguenti, drammatiche condizioni in cui i detenuti sono costretti a vivere; ribadisce che l'uso dell'art. 41 bis non può mai avvenire in spregio della dignità della persona e deve essere contenuto allo scopo per cui é nato, quello di impedire i contatti con l'esterno che favoriscono la prosecuzione dell'attività criminale. Rileva, infine, ancora una volta, come l'uso dello strumento dell'astensione dalle udienze sia strumento assai delicato e da usarsi con assoluta attenzione; lascia, ovviamente, alla libera scelta di ogni associato, nel caso specifico,l'adesione alla forma di protesta scelta.
26 novembre 2009
Avv. Roberto Lamacchia - Presidente dell'Associazione nazionale Giuristi democratici