MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 20 pagine  (291 risultati)
Solidarietà ai lavoratori del settore Giustizia in agitazione
Redazione 30 dicembre 2009 19:32
Comunicato dei GD 30.01.2009

L’Associazione Nazionale Giuristi Democratici esprime la propria solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori degli uffici giudiziari in lotta contro l’approvazione della bozza di contratto integrativo del CCNL di settore.

Mentre l’attenzione dell’opinione pubblica viene dirottata sulla pretesa necessità dell’adozione di misure inique ed inutili, o meglio utili soltanto a sottrarre alla giustizia un solo cittadino (prima il “lodo Alfano”, ora il “processo breve”), la quotidianità degli uffici giudiziari e delle aule di tribunale è caratterizzata da un progressivo aggravamento delle condizioni lavorative di tutti gli operatori del diritto. Tra questi, il personale degli uffici, già colpito duramente con i tagli alle risorse ed agli organici contenuti nella legge 133 tanto cara al ministro Brunetta, viene oggi nuovamente
aggredito da una bozza di contratto che comprime verso il basso le figure professionali scomponendole e addirittura demansionandone alcune, creando così conflittualità tra i lavoratori e, dulcis in fundo, peggiorando il servizio per via del rallentamento dei tempi dei processi.
L’esatto contrario, cioè, di quanto occorre per invertire la rotta: assunzioni (e correlativa fine del ricorso al precariato) e riqualificazione del personale.

I Giuristi Democratici, già autori —in tempi non sospetti— di proposte operative tese al miglior funzionamento della macchina giustizia, ribadiscono pertanto la propria disponibilità al confronto con i lavoratori per una autentica riforma degli uffici e del processo.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI