MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
 20 pagine  (293 risultati)
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Redazione 14 ottobre 2010 13:3
ROMA, sabato 16 ottobre 2010
MANIFESTAZIONE NAZIONALE FIOM CGIL
SI' AI DIRITTI - NO AI RICATTI

Il diritto al lavoro sta alla base della dignità di ogni uomo e promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto è impegno programmatico della nostra Costituzione italiana.
Sono in gioco la contrattazione collettiva, le conquiste sindacali.
Si vuole smantellare lo Statuto dei lavoratori per rendere i lavoratori più indifesi ed esposti ai ricatti aziendali.
Colpire i lavoratori è colpire il cuore stesso della democrazia.

• Il diritto al lavoro sta alla base della dignità di ogni uomo e promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto è impegno programmatico della nostra Costituzione italiana.
• E’ incostituzionale l’accordo di Pomigliano perché i diritti non possono essere compressi da un accordo tra imprenditori e organizzazioni sindacali. Non è concepibile barattare un'ipotesi di occupazione con la volontaria rinuncia da parte dei lavoratori ai propri diritti.
• Pomigliano non è un caso isolato, ma viene a costituire un precedente per le future contrattazioni aziendali. La libertà di contrattazione non riguarda solo le tute blu, ma tutti i lavoratori italiani.
• Sono in gioco la contrattazione collettiva, le conquiste sindacali; si vuole smantellare lo Statuto dei lavoratori per rendere i lavoratori più indifesi ed esposti ai ricatti aziendali.
• Sostenere la FIOM nella sua battaglia è non solo dovere di solidarietà ma presa d'atto che questa battaglia è anche la nostra, perché colpire i lavoratori è colpire il cuore stesso della democrazia.
Torino – Roma – Napoli – Palermo – Padova, 14 ottobre 2010
Associazione Nazionale Giuristi Democratici

Perciò Sabato 16 ottobre tutti a Roma con la Fiom Cgil insieme a

Andrea Camilleri, Paolo Flores d'Arcais, don Andrea Gallo, Margherita Hack, Sabina Guzzanti, Antonio Tabucchi, Gino Strada, Luigi De Magistris, Altan, Sergio Staino, Ascanio Celestini, Moni Ovadia, Piergiorgio Odifreddi, Sonia Alfano, Gianni Vattimo, Lidia Ravera, Furio Colombo, Pancho Pardi, don Enzo Mazzi, don Paolo Farinella, Domenico Starnone, Carlo Lizzani, Giuliano Montaldo, Angelo d'Orsi, Valerio Magrelli e molti altri

per difendere la democrazia e il lavoro, contro le politiche di Berlusconi e Marchionne.

Sostieni anche tu questa straordinaria giornata di mobilitazione civile

> Invia questo appello via EMAIL ad almeno 5 persone

> Pubblicalo sul tuo profilo FACEBOOK, invialo come messaggio ad almeno 5 amici, sostituisci l'immagine del tuo profilo con quella dell’appello
> Invia ai tuoi follower su TWITTER questo messaggio: Fuori Berlusconi, W la Costituzione, No al modello Pomigliano. Sabato 16 ottobre tutti a Roma con la Fiom. Passaparola su Twitter!
> Invia ad almeno 5 persone questo SMS : Sabato 16 ottobre tutti a Roma con la Fiom contro le politiche di Berlusconi e Marchionne. Sostieni anche tu la manifestazione. Invia questo sms a 5 tuoi amici

> Pubblica l'appello e l'immagine sul tuo BLOG

PASSA PAROLA !
Tutte le adesioni e le informazioni sulla manifestazione su www.micromega.net e www.fiom.cgil.it

Mi appello a tutti gli italiani di buona volontà, perché ce ne sono tanti: che si sveglino, che scendano in piazza con noi il 16 ottobre. La Fiom sta difendendo i diritti dei lavoratori e la dignità del lavoro. Con i diktat del modello Pomigliano Marchionne dà un cospicuo contributo al mutamento della democrazia italiana in una dittatura strisciante. Oggi, chi non osa minimamente dire il proprio pensiero insieme agli altri, finisce per dare una mano a questo governo.

Andrea Camilleri