MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
 20 pagine  (293 risultati)
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
Redazione 14 ottobre 2010 13:29
Giovedì 14 ottobre, ore 12

CONFERENZA STAMPA

presso la Sala delle Conferenze del Senato, Ex Hotel Bologna, Via di Santa Chiara, 4-5, Roma.

Alla conferenza stampa interverranno Fabio Marcelli (Consiglio Direttivo Associazione Europea Giuristi Democratici), i difensori Cesare Antetomaso (Portavoce dell'Associazione Giuristi Democratici di Roma), Maria Luisa D'Addabbo e Roberto De Angelis, nonché alcuni degli esponenti politici firmatari dell’appello riportato di seguito.

Appello per il rispetto delle libertà fondamentali nello Stato spagnolo e in Europa; Contro la consegna a Madrid di tre giovani baschi reclusi in Italia.

Zuriñe Gogenola Goitia, Fermin Martinez Lacunza e Artzai Santesteban Arizcuren sono tre giovani attivisti (la prima di 27, il secondo di 29 e il terzo di 26 anni) delle organizzazioni giovanili basche.
Colpiti da un mandato d'arresto europeo spiccato dall'autorità giudiziaria spagnola dopo essersi sottratti a un'ordinanza di custodia cautelare, da giugno sono reclusi nelle carceri italiane, dopo l’arresto avvenuto a Roma da parte di agenti dalla Digos mentre si apprestavano a tenere una conferenza stampa per denunciare la situazione del popolo basco.
Lo scorso 8 settembre la sezione feriale della Corte d'Appello di Roma ha disposto, con sentenza n. 74/10, la consegna dei tre giovani all'autorità spagnola, nonostante la richiesta di rifiuto della consegna formulata non solo dalla difesa, ma anche dalla Pubblica Accusa.


Ai tre viene mossa esclusivamente l'accusa di far parte dell’organizzazione giovanile ‘Segi’, dichiarata illegale dalla Corte suprema spagnola nel 2007. Ma quali siano i gravi indizi di colpevolezza che potrebbero giustificare una pena compresa tra i 6 e i 12 anni di reclusione non è dato sapere.
In casi analoghi, le Corti inglesi, francesi e, in un caso, persino quella nordirlandese, hanno rifiutato la consegna alla Spagna di presunti militanti di Segi proprio per la mancanza degli elementi utili a desumere il luogo, la data, le circostanze del reato commesso e il grado di partecipazione dei singoli imputati.
Già il Relatore Speciale delle Nazioni Unite "sulla promozione e protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali nella lotta contro il terrorismo", Martin Scheinin, ha espresso forti preoccupazioni proprio circa le norme la cui violazione viene oggi addebitata ai tre giovani, così esprimendosi: «Negli articoli 515 e 516 del codice penale spagnolo si stabilisce l'illegalità delle organizzazioni terroristiche, e si tipizza come reato l'appartenenza ad esse, ma non si dà una definizione del termine "organizzazione terroristica"». Anzi, lo stesso «nutre riserve circa gli elementi definitori del termine "organizzazione terroristica" adoperati nella menzionata pronuncia, poiché non sembrano offrire sufficiente precisione e potrebbero applicarsi ad attività che rimangono al di fuori dell'ambito dei reati di autentico carattere terroristico».

Il prossimo venerdì 15 ottobre, la Corte di Cassazione dovrà esprimersi sui ricorsi presentati dalla difesa e dal Procuratore Generale presso la Corte d'appello di Roma, Dr. Lupacchini.

Tenuto conto delle numerose denunce sulla violazione dei diritti dei detenuti baschi in Spagna, sulla violazione dei diritti democratici, civili e politici da parte delle autorità spagnole nei confronti degli attivisti delle organizzazioni politiche della sinistra indipendentista basca, e in ultimo della evidente inconsistenza delle accuse, confidiamo, in ossequio ai principi costituzionali posti a tutela delle fondamentali libertà di espressione e di manifestazione del pensiero, che la consegna dei tre giovani venga rigettata e che venga loro restituita la libertà.

Associazione Nazionale Giuristi Democratici
Associazione Antigone
Gianni Vattimo - filosofo, deputato al Parlamento Europeo (IdV)
Senatore Francesco Pardi - Italia dei Valori
Senatore Stefano Pedica - Italia dei Valori
Donatella Ferranti - capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera
Fabio Evangelisti - deputato, IdV
Fabio Nobile - Consigliere della Federazione della Sinistra al Consiglio Regionale del Lazio
Ivano Peduzzi - Consigliere della Federazione della Sinistra al Consiglio Regionale del Lazio
Andrea Alzetta - Consigliere della Sinistra Arcobaleno all’Assemblea Capitolina, Roma
Giovanni Russo Spena - Responsabile Giustizia Prc-Federazione della Sinistra
Carlo Leoni - Responsabile Giustizia Sel
Cosimo Borraccino - consigliere Provincia Taranto
Monica Perugini - consigliera Provincia Mantova
Fabio Marcelli - Consiglio Direttivo Associazione Europea dei Giuristi Democratici
Franco Ragusa - giurista
Militant A - Assalti Frontali
Marco Santopadre (Direttore Radio Città Aperta), Gabriele Polo (Il Manifesto), Giovanni Giacopuzzi (Talkingpeace), Checchino Antonini (Liberazione), Daniele Nalbone (Liberazione), Gianni Lannes (Italiaterranostra.it), Manuele Bonaccorsi (Left-Avvenimenti), Angelo Miotto (Peacereporter), Salvatore Cannavò (Il Fatto Quotidiano), Sergio Cararo (Contropiano)