MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 20 pagine  (291 risultati)
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
Redazione 21 dicembre 2010 23:56
I Giuristi Democratici esprimono la loro riprovazione per le nuove interferenze nell'attività giudiziaria, operate non solo dal sindaco di Roma e dalla Presidente della Regione Lazio, ma addirittura dal Ministro della Giustizia, in merito al processo ad alcuni degli imputati per i fatti del 14 dicembre, in corso a Roma.

L'annuncio di ispezioni ministeriali costituisce un evidente tentativo di intimidazione nei confronti dell'autorità giudicante: tutto ciò, in uno stato realmente di diritto, è intollerabile. Che il garantismo tanto sbandierato dall'attuale compagine governativa fosse in realtà pretesa d'impunità unicamente per i propri sodali, lo si era compreso da tempo. Cionondimeno, oggi si è in presenza di atti di manifesta malafede da parte di tutti i soggetti coinvolti nell'ennesimo tentativo di intromissione in vicende processuali.

I Giuristi Democratici, impegnati a garantire la libera espressione del pensiero e il godimento dei diritti costituzionali, nonché l'instaurazione di un contesto propizio al pacifico svolgimento delle manifestazioni, ritengono che vada innalzata la guardia degli irrinunciabili presidi di libertà contenuti nella nostra legge fondamentale e denunciata con forza la pericolosa deriva autoritaria di un governo e di una maggioranza sempre più deboli nei numeri e delegittimati da tutte le istanze democratiche di lotta, ma al contempo sempre più protervi e arroganti.

I Giuristi Democratici esprimono la loro riprovazione per le nuove interferenze nell'attività giudiziaria, operate stavolta non solo dal solito sindaco di Roma e dalla Presidente della Regione Lazio, ma addirittura dal Ministro della Giustizia, in merito al processo ad alcuni degli imputati per i fatti del 14 dicembre, in corso a Roma.
Se il biasimo espresso nei confronti dei giudici, "colpevoli" di aver scarcerato i manifestanti arrestati applicando solo in pochi casi misure cautelari è solo l'ultimo episodio di una serie di pesanti ingerenze tese a ottenere pronunce più severe sullo status libertatis di soggetti non ancora giudicati in primo grado, l'annuncio di ispezioni ministeriali costituisce un evidente tentativo di intimidazione nei confronti dell'autorità giudicante. Tutto ciò, in uno stato realmente di diritto, è intollerabile. Che il garantismo tanto sbandierato dall'attuale compagine governativa fosse in realtà pretesa d'impunità unicamente per i propri sodali, lo si era compreso da tempo. Cionondimeno, oggi si è in presenza di atti di manifesta malafede da parte di tutti i soggetti coinvolti nell'ennesimo tentativo di intromissione in vicende processuali. Costoro sanno bene che gli imputati sono giovani, incensurati e privi di pendenze, e che non viene loro contestato un ruolo attivo negli scontri. In barba alla presunzione di innocenza, però, chiedono — anzi, pretendono — nei confronti di tutti indistintamente gli imputati misure da stato di polizia.
Di fronte all'annuncio di misure palesemente anticostituzionali come il DASPO per i manifestanti o, peggio, degli arresti preventivi evocati nelle ultime ore, i Giuristi Democratici, impegnati a garantire la libera espressione del pensiero e il godimento dei diritti costituzionali, nonché l'instaurazione di un contesto propizio al pacifico svolgimento delle manifestazioni, ritengono che vada innalzata la guardia degli irrinunciabili presidi di libertà contenuti nella nostra legge fondamentale e denunciata con forza la pericolosa deriva autoritaria di un governo e di una maggioranza sempre più deboli nei numeri e delegittimati da tutte le istanze democratiche di lotta, ma al contempo sempre più protervi e arroganti.

Torino-Padova-Roma-Napoli-Palermo
20 dicembre 2010

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI