MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
 20 pagine  (293 risultati)
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
Redazione 26 gennaio 2011 1:54

Si è svolta oggi a Roma, presso la Sala stampa di Montecitorio, la conferenza stampa promossa dalla Rete euromediterranea dei diritti umani sulla recente missione in Tunisia (18-24 gennaio). Alla conferenza stampa hanno partecipato Fabio Marcelli, membro della delegazione in Tunisia e dirigente dell'Associazione dei giuristi democratici, Vito Monetti, presidente dell'Associazione europea dei magistrati democratici MEDEL, Raffaella Bolini, dirigente dell'ARCI, e Leoluca Orlando, deputato della Commissione esteri e portavoce dell'Italia dei Valori. In tale occasione è stata presentata la dichiarazione finale della Delegazione, che ha svolto vari proficui incontri con la società civile e le istituzioni tunisine. Dalla nuova Tunisia liberata da una dittatura oppressiva emerge oggi un'importante esperienza di partecipazione democratica, per il lavoro e contro la corruzione, per la libertà, la dignità e la giustizia che costituisce una speranza senza precedenti per tutta l'area mediterranea. Fondamentale è stato il ruolo degli avvocati e dei magistrati democratici, che esprimono oggi con forza la richiesta di una giurisdizione effettivamente indipendente e sensibile ai diritti umani. I partecipanti hanno unanimemente sottolineato come sia necessario sostenere senza riserva il processo di cambiamento democratico in atto in Tunisia, per la costituzione di un governo di effettiva unità nazionale e la convocazione, in tempi adeguati, di elezioni internazionalmente monitorate per dar vita a un'Assemblea costituente.

Roma, 25 gennaio 2011

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI


Nel file allegato potete leggere la dichiarazione della Rete Euromediterranea dei diritti dell’uomo (REMDU) sulla situazione in Tunisia