MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 20 pagine  (292 risultati)
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Redazione 10 febbraio 2011 17:8

La situazione che si sta creando intorno alle vicende del Presidente del Consiglio é francamente inquietante e tale da far temere una vera e propria messa in pericolo del nostro Stato di diritto.
Frasi come quelle pronunciate dal Presidente del Consiglio sulla Corte Costituzionale i cui Giudici giudicherebbero sulla base delle loro appartenenze politiche, o come quella contenuta nel comunicato emesso dall'Ufficio di Presidenza del Pdl "La Procura di Milano appare ormai come una sorta di avanguardia politica rivoluzionaria", o ancora quella di Bossi secondo cui "Tra giudici e Parlamento è guerra totale" appaiono gravissime e potenzialmente foriere di drammatiche conseguenze.
In una simile situazione, la vigilanza democratica é un dovere di ogni cittadino e la manifestazione delle donne indetta per il 13 febbraio rappresenterà certamente un momento alto di tale vigilanza.
I Giuristi Democratici, dunque, aderiscono a tale manifestazione con convinzione, consapevoli come sono che la denuncia dell'indegnità di un uso sessista del potere rappresenti un aspetto fondamentale della difesa dei principi della democrazia, dell'uguaglianza e del vivere sociale e che la violazione di questi da parte del presidente del Consiglio e delle forze che lo sostengono costituisca la più evidente prova del deterioramento del principio di uguaglianza e invitano tutti i cittadini ad una costante attenzione alla difesa della democrazia.
Torino-Padova-Roma-Napoli- Palermo
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI