MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 20 pagine  (292 risultati)
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Redazione 24 febbraio 2011 11:21

I Giuristi democratici condannano la feroce repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia che ha provocato varie migliaia di morti negli ultimi giorni.
Come già in Tunisia, in Egitto e in altri Paesi arabi, i giovani ed il popolo tutto insorgono contro regimi liberticidi e asserviti agli interessi dell'Occidente.
Clamoroso, nel caso libico, è il perverso intreccio di affari e interessi con ben precisi circoli finanziari e padronali italiani, di cui Berlusconi si è fatto l'interprete più diligente.
I Giuristi democratici, avvocati e magistrati, sono in prima fila in queste rivoluzioni, volte a realizzare effettivi Stati di diritto basati sulla garanzia dei diritti individuali e collettivi.
Chiediamo che cessi il vergognoso appoggio al regime di Gheddafi e che vengano smascherate le collusioni con questo regime, che si rende oggi colpevole di crimini contro l'umanità, suscettibili di deferimento di fronte alla Corte penale internazionale.
In particolare, deve cessare ogni assistenza e cooperazione militare italiana che, nell'attuale situazione, configura una vera e propria complicità con tali crimini.
24 febbraio 2011
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI