MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
 21 pagine  (310 risultati)
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
Redazione 16 aprile 2011 11:23

L'Associazione Giuristi Democratici saluta con soddisfazione l'esito del processo ThyssenKrupp, che si é concluso con la condanna dell'Amministratore Delegato Harald Espenhahn per omicidio volontario, con dolo eventuale, e degli altri dirigenti della società per omicidio colposo (oltre che per incendio ed omissione dolosa delle misure antinfortunistiche): si tratta di sentenza storica e che potrà riverberare i suoi effetti sulla sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro
Ugualmente significativo, poi, é stato il riconoscimento del risarcimento del danno a tutti i lavoratori, costituitisi parte civile, che hanno prestato la loro attività nel rischio che si verificasse un incendio come quello, tragico, che ha portato alla morte dei sette lavoratori.
Motivo di particolare soddisfazione per l'Associazione, poi, é il fatto che quelle parti civili, non lese, erano rappresentate da esponenti dei Giuristi Democratici che hanno creduto non solo di contribuire all'affermazione delle responsabilità penali, ma anche di aprire una strada nuova nel campo del risarcimento del danno; questo successo ci induce a proseguire sulla strada di una inflessibile difesa dei diritti dei lavoratori.
Torino-Padova-Roma-Napoli-Palermo 16 aprile 2011
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI