MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
 21 pagine  (312 risultati)
Astensione dalle udienze dal 15 al 23 marzo: la posizione dei Giuristi Democratici
Redazione 14 marzo 2012 15:30

GLI AVVOCATI ADERENTI ALL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI


NEL RIBADIRE I TIMORI SULLA TRASFORMAZIONE DEL RUOLO DEL DIFENSORE CONSEGUENTE ALLE RECENTI INNOVAZIONI NORMATIVE CHE HANNO DETERMINATO L’ADESIONE DELL’ASSOCIAZIONE ALL’ASTENSIONE DALLE UDIENZE INDETTA PER I GIORNI 23-27 FEBBRAIO 2012, TIMORI NON FUGATI DALLE ANNUNCIATE PROPOSTE DI MODIFICA;


RILEVATO CHE LO STRUMENTO DELL’ASTENSIONE DALLE UDIENZE COSTITUISCE STRUMENTO DI ESTREMA DELICATEZZA, CHE DEVE ESSERE USATO QUALE ULTIMA RATIO, ONDE NON PROVOCARE ULTERIORE DANNO PER QUEI CITTADINI CHE, INVECE, SI VOGLIONO MEGLIO TUTELARE;


CONSIDERATO CHE È STATA ORA DICHIARATA UN’ULTERIORE ASTENSIONE DALLE UDIENZE PER IL PERIODO 15-23 MARZO 2012;


RILEVATO CHE TALE ASTENSIONE È DI NOTEVOLE ENTITÀ E QUINDI SUSCETTIBILE DI COMPORTARE PER I CITTADINI UN DANNO, SOTTO IL PROFILO DEL RITARDO (ULTERIORE) PER IL SODDISFACIMENTO DELLE LORO ATTESE DALLA GIUSTIZIA;


RILEVATO , AL CONTEMPO, CHE UN DANNO ANCORA PEGGIORE PER LA COLLETTIVITÀ POTREBBE PERÒ DERIVARE DALLA DEFINITIVA ADOZIONE DELLE MISURE PROPOSTE DAL GOVERNO, NEI TERMINI DI UN'AVVOCATURA INDEBOLITA, MENO AUTOREVOLE E PREPARATA E SOPRATTUTTO SEMPRE MENO INDIPENDENTE E LIBERA,


RIBADISCONO LE PROPRIE CRITICHE AL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA FORENSE,


AUSPICANO CHE IL PARLAMENTO TENGA CONTO DEI RILIEVI CRITICI FORMULATI AL DISEGNO DI LEGGE SULLA PROFESSIONE FORENSE DA MOLTE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA,


RITENGONO , PER LE RAGIONI SOPRA ESPOSTE, DI NON DOVER DARE INDICAZIONE RELATIVAMENTE ALL'ADESIONE ALL'ASTENSIONE, LASCIANDO PERTANTO PIENA LIBERTÀ AGLI ASSOCIATI, IN CONSIDERAZIONE DEL FORTE IMPATTO SOCIALE CHE PUÒ DERIVARE DALLA PROTESTA.


ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI


TORINO-PADOVA-BOLOGNA-ROMA-NAPOLI, 13 MARZO 2012