MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
 21 pagine  (312 risultati)
Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori: lettera aperta dei Giuristi Democratici ai Sindacati
Redazione 17 marzo 2012 9:36

LETTERA APERTA ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL E UIL

Stiamo seguendo con grande preoccupazione l'andamento della trattativa sulla riforma del mercato del lavoro e, in particolare, quella relativa alla modifica, se non all'abolizione, dell'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori.
Premesso che non ci appare chiaro, e anzi contestiamo, come una modifica della norma sulla reintegrazione dei lavoratori illegittimamente licenziati possa incidere sulla uscita dell'Italia dalla crisi e sulla conseguente ripresa economica, posto che essa significherebbe soltanto una piena libertà di licenziare, con trasferimento della decisione di licenziare tra i costi delle imprese; e se anche i datori di lavoro fossero disponibili ad assumere un numero superiore di lavoratori, aumenterebbe anche il numero dei lavoratori licenziati, una volta venuta meno la remora della possibile reintegrazione.
E' noto a tutti, infatti, come la funzione dell'art. 18 S.L. sia stata soprattutto quella di una preventiva dissuasione dei datori di lavoro dall'effettuare licenziamenti della cui giusta causa non fossero pienamente convinti.
La modifica, dunque, così come viene ipotizzata, non parrebbe portare alcun beneficio sotto il profilo della ripresa economica, mentre certamente porterebbe conseguenze sulla stabilità dei posti di lavoro.
Ma ciò che maggiormente sorprende e preoccupa, in questa fase, è che un tema così vitale per i lavoratori possa essere deciso senza che i lavoratori stessi siano informati sull'esatto contenuto delle modifiche di cui si sta discutendo, né, tanto meno, che abbiano potuto esprimere la loro opinione sulla questione.
Per questa ragione, l'Associazione Nazionale Giuristi Democratici invita le OO.SS. in indirizzo a soprassedere a ogni sottoscrizione di accordi sulle modifiche all'art. 18 S.L. prima di aver potuto illustrare ai lavoratori l'esatto contenuto della proposta del Governo.

Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli 16 marzo 2012

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI