MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
 21 pagine  (312 risultati)
Fiat: il caso Pomigliano suscita indignazione
Redazione 6 febbraio 2013 12:34

Siamo indignati di fronte al comportamento tenuto dalla Fiat nei confronti dei 19 operai di Pomigliano, reintegrati a seguito della sentenza della Magistratura del lavoro, che sono stati rinviati a casa spiegando che per loro non c'era spazio in fabbrica. Dunque, per la Fiat i 19 operai, come peraltro anche i tre operai Fiom di Melfi, anch'essi reintegrati per ordine della Magistratura, dovranno restare a casa ed avere l'umiliazione di percepire la retribuzione senza lavorare.
Si tratta di un'ennesima prova che la Fiat non rispetta la dignità dei suoi dipendenti, così come, nella sostanza, non rispetta nemmeno le decisioni della Magistratura.
In un Paese retto da una Costituzione che considera il lavoro come diritto fondante della Repubblica, questo atteggiamento è ancora più offensivo ed umiliante non solo per i lavoratori Fiat, ma per tutti i cittadini che credono in uno Stato di diritto.
L'Associazione Giuristi Democratici, sin dall'epoca dell'accordo di Pomigliano, si è schierata al fianco dei lavoratori colpiti dall'atteggiamento discriminatorio della Fiat e si dichiara disponibile a sostenerne la lotta.

Associazione Nazionale Giuristi Democratici

Torino, Padova, Bologna, Roma, Napoli, 5 febbraio 2013