MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 15 pagine  (216 risultati)
La conferenza di Ankara e le prossime iniziative
Redazione 16 gennaio 2017 16:22
Report sulla conferenza tenuta ad Ankara il 13,14 e 15 gennaio 2017 (vedi il programma), alla quale avrebbe dovuto partecipare l'avvocata Barbara Spinelli, respinta alla frontiera turca come persona indesiderata (vedi Barbara Spinelli, espulsa dalla Turchai, partecipa comunque alla conferenza di Ankara), e indicazione delle prossime iniziative dei Giuristi Democratici.
 
La Conferenza svoltasi ad Ankara nei giorni 13, 14 e 15 gennaio 2017 ha visto la partecipazione di centinaia di avvocati e magistrati di tutta la Turchia e anche in provenienza da vari Paesi europei (Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna) .La Conferenza è  stata promossa da vari Consigli dell’Ordine turchi (Adana, Ankara, Antalya, Dyarbakir ed altri), nonché da tre associazioni turche di magistrati. Essa ha fatto il punto in modo estremamente precise sulle politiche repressive svolte dal governo di Erdogan nei confronti di avvocati, magistrati, giornalisti e parlamentari di opposizione. Mediante tali politiche Erdogan cerca di liberarsi di ogni opposizione e di ogni controllo e di ottenere un potere illimitato anche mediante una riforma costituzionale di netto stampo autoritario che è attualmente all’esame del Parlamento turco.

Come affermato ripetutamente da significativi documenti adottati a livello europeo e internazionale, l’obiettività e imparzialità della magistratura e la possibilità degli avvocati di esercitare le proprie prerogative in modo libero garantendo il diritto alla difesa legale dei cittadini costituiscono ingredienti irrinunciabili di ogni vera democrazia e Stato di diritto. Ebbene, oggi questi ed altri pilastri democratici fondamentali sono a forte rischio in Turchia. Parallelamente il governo di Erdogan continua ad ostinarsi nel rifiuto di una soluzione pacifica e negoziata del conflitto kurdo che costituisce un altro elemento strategico dell’attuale situazione di precarietà, incertezza e negazione di elementari libertà democratiche che vive il Paese.

I Giuristi Democratici, partecipando con una nutrita e qualificata delegazione alla Conferenza, nonostante l’ingiustificato diniego di ingresso in Turchia alla nostra iscritta Barbara Spinelli, hanno dimostrato di essere parte integrante di un movimento internazionale di giuristi per affermare pace, democrazia e Stato di diritto nell’area mediterranea e in tutto il mondo.

Prossime iniziative in materia saranno il presidio di fronte all’ambasciata egiziana il 24 gennaio dalle ore 14.30, con il quale protesteremo per la repressione di cui sono vittima gli avvocati egiziani e torneremo a chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni, nonché la prima assemblea mediterranea dei giuristi che stiamo organizzando per settembre a Napoli.
 
Torino, Padova, Bologna, Roma, Napoli 16 gennaio 2017
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI