MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 15 pagine  (216 risultati)
Ancora arresti di avvocati in Turchia
Redazione 10 ottobre 2016 15:39
Comunicato sull'arresto di cinque avvocati appartenenti all'associazione ÇHD (avvocati progressisti turchi) .

L'Associazione Giuristi Democratici condanna con forza l'ennesima ondata di arresti che sta colpendo in queste ore i colleghi turchi dell'Associazione ÇHD in occasione della celebrazione dell'anniversario della strage di Ankara del 10 ottobre 2015, quando 103  persone furono uccise e 245 ferite da bombe fatte esplodere dall'Isis nel corso di una manifestazione per la pace. Ieri nell'ambito di queste celebrazioni è stato gravemente ferito dalle forze dell'ordine Umit Beyaz,  il Presidente della sezione ÇHD della città di Bursa e trattenuto in stato di fermo insieme a due colleghi.

 

Oggi ad Ankara sono stati arrestati altri 5 colleghi appartenenti alla medesima associazione, tra cui  Gülsen Uzuner, membro dell'esecutivo nazionale di ÇHD, che nel marzo 2015 aveva preso parte alle delegazione internazionale di avvocate promossa dalle colleghe dei Giuristi Democratici per verificare la condizione delle donne fuggite dall'Isis nei campi di accoglienza delle zone curde di Turchia Iraq e Siria. Oltre a lei, sono in stato di arresto Didem Baydar, Hulya Yildirim, Alisan Sahin, Onur Yaylaci.

 

Invitiamo tutte le associazioni e gli organismi dell'Avvocatura a manifestare la propria solidarietà agli avvocati democratici turchi ed alle loro associazioni  e ribadiamo che il Governo italiano e le Istituzioni europee non possono continuare ad ignorare le ormai quotidiane compressioni dei diritti fondamentali e delle libertà democratiche che caratterizzano il regime turco, continuando a legittimarlo in funzione dell'accordo per la gestione dei migranti.

 

Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli, 10 ottobre 2016
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI