MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
 15 pagine  (223 risultati)
Tortura, testo insoddisfacente: si tenga fede agli obblighi internazionali
Redazione 18 maggio 2017 19:39
TORTURA, TESTO INSODDISFACENTE: SI TENGA FEDE AGLI OBBLIGHI INTERNAZIONALI

Comunicato stampa 18 maggio 2017

L’Associazione Nazionale Giuristi Democratici esprime viva perplessità in ordine alle norme in materia di tortura approvate in data odierna dal Senato. Gli emendamenti apportati al testo precedentemente varato dalla Camera dei Deputati, difatti, appaiono stravolgerne l’assetto complessivo e restringerne significativamente l’ambito di applicazione, prestandosi peraltro a dubbi interpretativi di non agevole soluzione, con particolare riferimento alla necessità della verificabilità del trauma psichico, che potrebbe risultare difficoltosa a distanza di tempo dai fatti denunciati e soprattutto alla reiterazione della condotta. 

 

«Se il disegno di legge che introduce nell’ordinamento italiano il reato di tortura dovesse essere approvato senza modificazioni dalla Camera - ha dichiarato l’avv. Roberto Lamacchia, Presidente dell’Associazione - il legislatore nazionale adotterebbe una disciplina che disattende in modo sostanziale i principi sanciti dalla Convenzione internazionale contro la tortura, ratificata dallo Stato italiano ormai quasi trenta anni fa. Non è un caso che il senatore Luigi Manconi, primo firmatario di uno dei testi poi confluiti nel disegno di legge oggi approvato, ne abbia denunciato lo stravolgimento rifiutando di partecipare alla votazione».

 

«È inaccettabile - ha proseguito il Presidente Lamacchia - che la pur pressante necessità di dotarsi di una disciplina in materia funga da pretesto per un compromesso al ribasso sulla tutela di diritti inviolabili della persona, destinato a menomarne sensibilmente la certezza e l’effettività. Confidiamo - ha concluso il Presidente Lamacchia  - in una revisione del testo legislativo atta a restituirgli conformità agli obblighi internazionali assunti e ai principi più volte ribaditi dalla giurisprudenza delle Corti europee, pur consapevoli che l’adozione delle modifiche da noi auspicate si tradurrebbe in un ulteriore differimento della sua già tardiva approvazione».

 

Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli, 18 maggio 2017

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI