MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
 21 pagine  (309 risultati)
I G.D. esprimono sostegno all'azione della Mare Jonio e stigmatizzano l'operato del Ministro dell'Interno
Redazione 20 marzo 2019 19:57

 

La vicenda della nave Mare Jonio svela, ancora una volta, l'inaccettabile comportamento del Ministro dell'Interno in relazione al tema degli sbarchi, in corrispondenza temporale, tra l'altro, con il diniego espresso dal Senato all'autorizzazione a procedere contro il Ministro per i reati individuati nel caso Diciotti; allo stesso tempo, dimostra come esista un'Italia che sa esprimere sentimenti di solidarietà, anche quando ciò significa esporsi a conseguenze penali, oltre che mediatiche.

Il comportamento dell'equipaggio della Mare Jonio, a fronte del pericolo di vita dei migranti soccorsi, nonostante le disposizioni impartite dalla Guardia di Finanza, la disponibilità all'accoglienza data dal Sindaco di Lampedusa, l'atteggiamento cauto, ma rispettoso del diritto al salvataggio e all'accoglienza dei migranti della Procura di Agrigento, il coro di voci che hanno espresso solidarietà a quelle persone salvate, sono tutti elementi che dimostrano l'esistenza di un'Italia solidale e rispettosa delle norme, proprio nel momento in cui Salvini, invece, accusa l'equipaggio della violazione dell'ordine impartito dalla Guardia di Finanza.

La nostra Costituzione, oltre che il diritto internazionale ed il diritto del mare nello specifico, deve essere la guida di ogni azione e comportamento e di ogni interpretazione di norme di legge, ed allora è evidente che il rispetto del diritto alla vita, garantito in ogni caso dall'art. 2 Cost., oltre che dalle convenzioni internazionali, non può che prevalere rispetto a una circolare ministeriale emessa ad hoc, che appare essere, più che un atto di amministrazione, un vero e proprio atto politico.

Da qui nasce la seconda considerazione che intendiamo sottolineare: ancora una volta Salvini mette in discussione la divisione dei poteri, tra giudiziario ed esecutivo, chiedendo a gran voce addirittura l'arresto dei componenti dell'equipaggio: «Conto che questo accada», è il preoccupante messaggio che il Ministro dell'Interno lancia alla magistratura, forse rendendosi conto che la sua linea di condotta, almeno in questo caso e per il momento, è stata sconfitta.

La disumanità di Salvini, che usa per le sue finalità politiche esseri umani, deve essere combattuta con il sentimento di solidarietà e con il rispetto dei principi costituzionali, dei diritti umani e del diritto internazionale.

 

20 marzo 2019

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI