MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 20 pagine  (291 risultati)
Contributo della sezione padovana dei Giuristi Democratici sull'ipotesi di "decreto sicurezza bis"
Redazione 16 maggio 2019 23:27
Pubblichiamo una nota della sezione "G. Ambrosoli" di Padova dei GD

Forse non ce la farà, stavolta, il ministro più mortifero per la democrazia a far passare il suo ennesimo atto persecutorio contro la solidarietà, il preannunciato decreto sicurezza bis il cui scopo è -anche- quello di imporre le proprie (illegittime) decisioni sull’intera compagine governativa. Il forse è d’obbligo, visto il quadro delle norme che sino ad oggi questo Governo ha licenziato, dal primo decreto sicurezza alla legittima difesa.

La nuova proposta di decreto sicurezza ha caratteristiche davvero sconcertanti, tra cui, in primis, quella di avocare di fatto al Ministero dell’Interno ogni decisione in materia di soccorso internazionale, con la possibilità, introdotta dall’art. 2 del testo di decreto, per il Ministro dell’Interno, di vietare transito e sosta di navi nel mare territoriale “per motivi di ordine e sicurezza pubblica” e comunque nel caso che la nave (straniera) sia impegnata nell’attività di “carico o scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero”. Per farlo, il decreto si occupa persino di modificare il Codice della Navigazione! "Sui porti decido io!", il motto salviniano oggi inattuabile e che si cerca di realizzare con questo decreto sicurezza bis.

Chiaro e preoccupante quindi il tentativo di accentramento di poteri in capo al Ministro dell’Interno, con un’estensione mai vista, dopo la Liberazione del nostro paese dal fascismo.

Fermare definitivamente la solidarietà e i salvataggi in mare, a ogni costo e con ogni mezzo, l’altro obiettivo dichiarato del nuovo decreto Salvini; il nuovo mezzo utilizzato è quello della sanzione economica: da 3.500 a 5.500 euro di multa per ogni naufrago salvato in barba alle vedette libiche e non riconsegnato ai torturatori, oltre alla sospensione o revoca di ogni licenza amministrativa “nei casi più gravi o reiterati”.

Perché nonostante gli accordi con la Libia,  che il nostro paese mantiene vergognosamente in vita (con guerra in corso e tortura accertata e regolarmente praticata), nonostante la regolamentazione capestro imposta alle Ong dal precedente Governo (Ministro Minniti), il soccorso in mare ha ripreso fiato, grazie alla straordinaria mobilitazione della piattaforma Mediterranea (che ringraziamo e sosteniamo) e dimostrato che salvare vite umane non è reato, mai. I sequestri operati sono decaduti, come avvenuto anche per quello disposto pochi giorni fa, con l’ultimo sbarco a Lampedusa, nei confronti della Mar Jonio.

Altro obiettivo: fermare con ogni mezzo la protesta, anche a terra, con ulteriori norme penali, che appesantiscono il quadro già serio determinato dal precedente decreto (reintroduzione del reato di blocco stradale, aggravamento pene per reati “sociali” -occupazione di case, in primis): col nuovo testo, si propongono pene fino a un anno di reclusione per i promotori o partecipanti a manifestazioni non preavvisate, se nel corso delle stesse avvengono danneggiamenti. E si introduce persino il reato di “resistenza passiva” (l’utilizzo di scudi o altri oggetti di protezione passiva ovvero materiali imbrattanti e inquinanti”). Il lancio di razzi, petardi, fuochi artificiali, fumogeni vale invece da uno a quattro anni di pena.

E ancora: introduzione di aggravanti ulteriori (quella di aver determinato impedimento, ostacolo o ritardo ad attività di soccorso pubblico); esclusione della valutazione sulla particolare tenuità del reato se questo riguarda pubblici ufficiali; innalzamento della pena per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale fino a 4 anni e per il reato di danneggiamento fino a cinque anni, se commesso nel corso di manifestazioni pubbliche.

Insomma, un campionario penale che tende a colpire il più possibile ogni forma di protesta e a restaurare criteri di intangibilità delle forze dell’ordine di chiaro stampo autoritario.

Mentre continuiamo a cercare di demolire il primo decreto Salvini in ogni sede opportuna e possibile, ci auguriamo che di tutto questo armamentario autoritario e autocratico non passi una riga. Sarebbe gravissimo, ingiustificabile e richiederebbe davvero risposte corali ed adeguate al massacro dei principi di diritto in atto.