MANAGE
CERCA
Manifesto per la Democrazia
Redazione 17 febbraio 2009 8:24
Tutti coloro che vogliono inviare la propria adesione a questo manifesto possono farlo scrivendo a info@giuristidemocratici.it

MANIFESTO PER LA DEMOCRAZIA

Stiamo vivendo il momento più drammatico e più basso per la democrazia italiana e per gli assetti istituzionali nati dalla Resistenza.
Ciò che con grande lungimiranza ed impegno i nostri padri costituenti avevano sancito nello strumento costituzionale, ammirevole punto di equilibrio tra posizioni politiche ed ideologiche diverse, ma tutte caratterizzate dalla affermazione dei principi basilari della democrazia, viene oggi trattato dalla maggioranza, e manipolato, come un vecchio attrezzo ideologico superato e da sostituire.
La situazione è resa ancora più pericolosa dalla mancanza di una vera e opposizione alle iniziative del governo Berlusconi, e ciò sia per il divario quantitativo esistente nel Parlamento tra maggioranza e opposizione, sia per la tendenza di quest’ultima a seguire la controparte sul terreno di scontro da questa scelto.
Principi come decisionismo, governabilità, sistema maggioritario vengono acriticamente assunti a parametri cui improntare la riforma complessiva dello Stato, senza tener conto alcuno dei prezzi che l’adozione di tali “riforme” determinerebbe sull’assetto istituzionale, sui diritti dei cittadini, in una parola sulla democrazia.
E’ chiaro a tutti che il massimo di governabilità lo si ottiene con un solo partito! La maggior rapidità nelle decisioni si ottiene con la dittatura!
Ed in effetti, siamo in presenza di una “dittatura della maggioranza” che ricopre con il manto dell’investitura popolare la triste realtà di un progressivo deterioramento dei principi della democrazia: avere vinto le elezioni non autorizza ad apportare mutamenti genetici e strutturali all’impalcatura costituzionale.
Ed invece, si è giunti, persino, a mettere in discussione la tripartizione dei poteri dello Stato, affermando che quello giudiziario non è un potere autonomo, ma un ordine (con tutte le conseguenze che da questa affermazione deriverebbero).
Si attacca la scuola pubblica, cardine della formazione dei cittadini, a vantaggio di una scuola privata che l’apertura di pensiero dei padri costituenti aveva consentito, purchè senza oneri per lo Stato.
Si piccona il diritto al lavoro, in nome di uno svecchiamento della normativa e di un suo adeguamento all’Europa, dimenticando che la nostra Repubblica è “fondata sul lavoro” e che questo principio, fiore all’occhiello del nostro sistema, ha dato origine ad una legislazione sul lavoro caratterizzata dal “favor lavoratoris”; si enfatizza la flessibilità del lavoro, che si traduce, in realtà, in precarietà.
Si piega l’informazione ad un pensiero unico, sovente caratterizzato da superficialità, pressapochismo, individualismo esasperato, spettacolarità.
Si crea un sistema politico-elettorale nel quale vengono azzerate le posizioni dissenzienti dal pensiero dominante, consentendo solo la presenza di un’opposizione poco più che formale; per maggior garanzia, si sottrae la nomina dei parlamentari alla scelta degli elettori e li si indica (e, quindi, li si nomina) con decisione del partito unico, con unico leader.
Per arrivare, infine, all’attacco al sistema giustizia, mascherato dietro una, questa sì, sacrosanta esigenza di maggior celerità nei processi e di una maggior efficienza, cui, però, non si dà risposta con le riforme proposte.
In realtà, ciò che l’attuale maggioranza vuole ottenere è la messa sotto controllo dell’unico settore, rectius potere, che ha opposto resistenza all’ attacco alla democrazia in atto. E’ noto il livore di Berlusconi verso i Magistrati, rei di averlo messo sotto processo; nascono, così, le norme “ad personam” che hanno messo il Premier al sicuro da eventuali sviluppi processuali negativi.
Per maggiore sicurezza, però, è bene evitare che, per il futuro, si possano verificare casi analoghi e, dunque, occorre limitare l’autonomia della Magistratura (in contrasto con l’art. 104 c. 1 Cost.), dividerla tra Giudici e P.M. (con tanti saluti all’art. 107 c. 3 Cost.), portare il P.M. sotto il controllo dell’Esecutivo, ridurre il Giudice a “bocca della legge” per evitare possibili interpretazioni evolutive, costituzionalmente orientate, delle norme; gerarchizzare ancora di più l’ordine giudiziario, in modo che ne sia più agevole il controllo.
Per ancora maggior sicurezza, si vuole eliminare il principio dell’obbligatorietà dell’azione penale, vero baluardo di applicazione concreta del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 Cost., affidando la scelta dei reati da perseguire prioritariamente a quel Parlamento con quelle caratteristiche che abbiamo sopra descritto, certo non autonomo ed indipendente dall’Esecutivo.
E’ facile immaginare che la scelta si concentrerà sui reati di strada, su quelli nei confronti dei “diversi”, dei poveri, dei non omologati, e ciò anche per accontentare l’opinione pubblica; e così, si crea un circolo vizioso, per cui l’informazione enfatizza il tema dell’insicurezza che, come dimostrano i dati statistici, è più avvertita che reale, l’opinione pubblica chiede a gran voce misure più repressive, il Parlamento ne raccoglie l’istanza e detta criteri di priorità e la Magistratura esegue.
Il quadro, insomma, è disperante e dovrebbe esserlo per tutti coloro che hanno a cuore la tutela dei diritti dei cittadini ed i principi della democrazia; e questo malessere dovrebbe essere rappresentato, a livello politico-istituzionale, dall’opposizione parlamentare, opposizione già di fatto indebolita e ridotta dalla scomparsa di una consistente fetta della sinistra.
Ebbene, l’attuale opposizione, il PD in particolare, si limita a gestire il proprio particolare, a risolvere i propri problemi interni, ad accettare, di fatto, la logica imposta dalla maggioranza ed il percorso che ne scaturisce, senza mai una levata di scudi contro l’attacco generalizzato ai principi costituzionali.
Forse è solo questione di debolezza, forse anche da parte del PD si è accettata la regola che sono i sondaggi d’opinione a dettare le linee della politica; il fatto è che i cittadini democratici sono costretti, se vogliono far sentire la loro voce, a dare vita ad associazioni, gruppi spontanei che sono sorti in questi mesi, sempre più numerosi.
Bisogna, dunque, ripartire dal basso e provare a risvegliare gli ideali della sinistra, ideali sempre vivi, ma resi inefficaci dalla presenza di lacerazioni intestine che inducono ad individuare in colui che ha, pur nello stesso schieramento, posizioni dissonanti, il nemico da combattere: è un male endemico della sinistra, proviamo a sradicarlo.
Ed allora, lanciamo un appello non solo a tutti i cittadini che abbiano a cuore la difesa della Costituzione e i principi della democrazia, ma anche a tutti i partiti della sinistra, organizzazioni sindacali, associazioni per ricercare un percorso unitario che consenta di opporsi al tentativo di destabilizzazione istituzionale in atto.
Torino, 16 febbraio 2009

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI

Le prime 252 adesioni
1) Avv. Roberto Lamacchia – Torino
2) Avv. Elena Coccia – Napoli
3) Avv. Raffaele Miraglia – Bologna
4) Avv. Giuseppe Bruno – Palermo
5) Dott. Fabio Marcelli - Roma
6) Avv. Luca Cassiani
7) Avv. Luca Pigozzi – Torino
8) Avv. Piero Nobile – Torino
9) Avv. Corrado Guarnieri – Torino
10) Avv. Carlotta Persico
11) Avv. Giovanni Incorvati
12) Avv. Paolo Solimeno – Firenze
13) Avv. Anna Fusari
14) Avv. Alessandra Lanzavecchia
15) Avv. Antonino Fava – Torino
16) Avv. Francesca Pronti – Roma
17) Avv. Leonardo Arnau – Padova
18) Mauro Cassano – Bari (studente)
19) Avv. Teresa Lapis
20) Avv. Tecla Faranda – Milano
21) Avv. Fausto Gianelli
22) Avv. Stefano de’ Micheli – Padova
23) Avv. Vittorio Mazzone – Napoli
24) Avv. Carlo Cappellari – Padova
25) Avv. Vincenzo Barone
26) Avv. Maria Cristina Conte
27) Avv. Giorgia de Gennaro – Napoli
28) Avv. Ilaria Tuorto – Napoli
29) Avv. Flora Antinolfi – Napoli
30) Avv. Monica Farina – Napoli
31) Dott. Stella Arena – Napoli
32) Dott. Mila Grimaldi – Napoli
33) Dott. Enza Maione – Napoli
34) Avv. Salvatore Romano – Napoli
35) Prof. Ida Orabona – Napoli
36) Giuseppe Sgrò – Napoli (studente)
37) Avv. Simona Fiordelisi – Napoli
38) Avv. Giuseppe Fresa – Napoli
39) Avv. Pia Benzo – Firenze
40) Domenico Gallo – Roma (Consigliere di Cassazione)
41) Myriam Verdi (associazione “la sinistra fiorentina”)
42) Avv. Francesco Mason
43) Avv. Wladimiro Borchi
44) Avv. Laura d’Amico – Torino
45) Avv. Sonia Lama – Ravenna
46) Avv. Laura Santoro
47) Avv. Pierpaolo Bugarella
48) Avv. Massimo Ceciarini – Grosseto
49) Avv. Monica Lambrou – Milano
50) Claudio Ortale – Roma (capogruppo PRC – SE)
51) Avv. Maurizio Foffo – Roma
52) Avv. Claudio Giangiacomo
53) Avv. Mario Meucci – Roma
54) Augusto Cacopardo – Fiesole (insegnante)
55) Avv. Cesare Antetomaso – Roma
56) Avv. Fortuna Antetomaso – Roma
57) Prof.ssa Immacolata di Russo – Roma
58) Sergio Mattone (magistrato)
59) Avv. Allegra Stracuzzi – Milano
60) Avv. Sandro Canestrini – Rovereto
61) Avv. Nicola Canestrini – Rovereto
62) Prof. Cerbasi Donato – Torre del Greco (NA)
63) Alberto Cacopardo – Firenze
64) Avv. Stefano Bigliazzi – Genova
65) Avv. Mino Cavallo – Taranto
66) Stefania Longone – Taranto
67) Cristina Barrese – Taranto
68) Antonio Santoro – Taranto
69) Salvatore de Felice – Taranto
70) Silvia Torsella – Taranto
71) Marcello Galati – Taranto
72) Antonietta Podda – Taranto
73) Ilario Galati – Taranto
74) Angelo Farano – Taranto
75) Massimo Ladiana – Taranto
76) Maurizio Baccaro – Taranto
77) Prof. Avv. Giovanni Figà – Talamanca
78) Patrizia Bellucci – Firenze (docente universitario)
79) Avv. Riccardo Conte – Milano
80) Landi Carmela – Pntecagnano Faiano (SA)
81) Roberto Carta (magistrato c/o Trib. Chiavari)
82) Avv. Francesco Ivella
83) Avv. Simone Petrangeli – Rieti (consigliere comunale)
84) Avv. Carlo Melis – Cagliari
85) Cristina Ornano
86) Gilberto Ganassi
87) Alessandro Castello
88) Carlo Renoldi
89) Guendalina Garau
90) Alberto Mossa
91) Alessandro Amato
92) Nicoletta Ornano
93) Giuseppe Andreozzi
94) Avv. Carmelo Picciotto – Messina
95) Manuel Anselmi – Roma
96) Graziano Bacale – Roma
97) Aldo Galvagno – Roma
98) Giorgio Pani – Roma
99) Tania Aromando – Roma
100) Antonella Caputo – Roma
101) Mirko Gentilini – Roma
102) Serena Gentili – Roma
103) Giuliana Beltrame – Padova (consigliere comunale)
104) Giuseppe Prestipino – Roma
105) Gianfranco Gilardi (magistrato)
106) Giuliano Baghini (consigliere comunale PRC Orbetello)
107) Giuseppe Mosconi
108) Teresa Aronne
109) Carlos Fato Ayress Moreno
110) Ornella Angeletti
111) Ermidio Vigna
112) Avv. Armando Sorrentino – Palermo
113) Avv. Marco del Toso – Milano
114) Avv. Carmine Malinconico – Napoli
115) Avv. Vainer Burani – Re
116) Avv. Nicola Vetrano – Napoli
117) Avv. Desi Bruno – Bologna
118) Avv. Danilo Risi – Napoli
119) Avv. Claudia Piccolino – Napoli
120) Rosalia Esposito – Napoli
121) Antonio de Cristofaro – Napoli
122) Bruno Amabile – Napoli
123) Giuseppe di Transo – Napoli
124) Elvira Santè – Napoli
125) Caterina Serrao – Napoli
126) Vincenzina Tempone – Napoli
127) Filomena Gioia – Napoli
128) Maria Acerbo – Napoli
129) Gabriella Aubrì – Napoli
130) Avv. Liana Nesta – Napoli
131) Simona Ricciardelli – Napoli
132) Francesco Ciotola – Napoli
133) Patrizia Moriello – Napoli
134) Rosario Confessore – Napoli
135) Maria Rosaria Ricci – Napoli
136) Maria Adelaide Rinaldi – Napoli
137) Leonardo Comello – Napoli
138) Vincenzo Spinelli – Napoli
139) Pipolo Salvatore – Napoli
140) Fabio Perna – Napoli
141) Mena Gioia – Napoli
142) Pietro Maffione – Napoli
143) Cesare Corridore – Napoli
144) Maria Pennetta – Napoli
145) Ida Esposito – Napoli
146) Sofia Romano – Napoli
147) Maria Rosaria Romano – Napoli
148) Adolfo Orabona – Napoli
149) Maria Rosaria Giambruno – Napoli
150) Domenico Stigliano – FE (giudice)
151) Avv. Mario Faggionato
152) Alessandra Riccobene
153) Gabriele De Santo
154) Carlo Bressan
155) Pina di Cienzo
156) Sonia Spallitta
157) Francesco Maisto (magistrato)
158) Avv. Roberto Ordino – Nola
159) Avv. Stanislao Rinaldi – Bologna
160) Avv. Lorenzo Zompì – Bologna
161) Aldo Pappalefora
162) Avv. Claudio Zaza – RO
163) Maria Grazia Negrini
164) Chiara Turturiello – Napoli
165) Avv. Roberto De Angelis
166) Avv. Maurizio Visca
167) Giampaola Pachetti
168) Avv. Nicola Gianesini – Torino
169) Avv. Giusi Mele – Torino
170) Avv. Lorenzo Trucco – Torino
171) Avv. Nadia Betti – Torino
172) Annamaria Spognardi
173) Cinzia Niccolai – Firenze
174) Avv. Fabio Maria Ferrari – Napoli
175) Grosseto per la Costituzione
176) Associazione Politica Insieme
177) Avv. Michela Quagliano – Torino
178) Avv. Paola Moi – Torino
179) Locati Enrica – Torino
180) Avv. Emanuela Dalla Costa – Torino
181) Ornella Terracini
182) Matteo Carbonelli
183) Bianca Brosio
184) Avv. Francesca La Forgia – Bari
185) Avv. Mario Angelelli
186) Avv. Stefano Cavallito – Torino
187) Avv. Alessandro Lamacchia – Torino
188) Avv. Federica Stelli
189) Angela Vitale Negrin
190) Avv. Giovanni Michelon – Padova
191) Laura Onofri – Torino
192) Avv. Carlo Guglielmi – Roma
193) Avv. Alessandro Brunetti – Roma
194) Avv. Emiliano Fasan – Roma
195) Avv. Andrea Volpini
196) Cinzia Ballesio – Torino
197) Pierangela Mela – Torino
198) Paola Torricini
199) Avv. Massimo Pastore – Torino
200) Avv. Elena Rampado – Bologna
201) Bruno Pucciani – Grosseto
202) Loretta Ciampalini – Grosseto
203) Avv. Micol Savia – Torino
204) Simona Bassano – Napoli
205) Avv. Luigi Ficarra – Padova
206) Avv. Federico Pampaloni – Padova
207) Avv. Mirella Caffaratti – Torino
208) Avv. Vincenzo Enrichens – Torino
209) Sabato Dioguardi
210) Avv. Monica Bassan – Padova
211) Avv. Angelo Ginesi – Torino
212) Avv. Nicoletta Morandi
213) Castellana Francesco – Palermo (dipendente p.a.)
214) Avv. Dario Porrovecchio – Palermo
215) Arch. Mila Spicola
216) Diego Landi – Palermo (giornalista)
217) Avv. Vittorio Fiasconaro – Bagheria (PA)
218) Giuseppe Sunseri – Palermo (oceanografico)
219) Roberto Marino – Palermo (impiegato)
220) Arch. Patrizia Maniscalco – Palermo
221) Leonardo Gatto – Palermo (pensionato)
222) Giovanni Abbagnato – Palermo (dipendente p.a.)
223) Davide Corona – Palermo (ricercatore universitario)
224) Avv. Marianna Viola – Palermo
225) Roberto Vercelli – Asti (dirigente di banca)
226) Erika Spotorno – Palermo (psicoterapeuta)
227) Avv. Nunzia Castellano – Viareggio (LU)
228) Avv. Umberto Di Giovanni – Siracusa
229) Avv. Ettore Di Giovanni – Siracusa
230) Avv. Matilde Di Giovanni – Siracusa
231) Avv. Giuditta Di Giovanni – Siracusa
232) Avv. Maria Russo – Siracusa
233) Avv. Rosalinda Vona – Siracusa
234) Avv. Giuseppe Brandino – Siracusa
235) Avv. Luca Brandino – Siracusa
236) Avv. Davide Bruno – Siracusa
237) Avv. Simonetta Crisci – Roma
238) Avv. Stefania Nubile – Torino
239) Dott.ssa Marina Migliozzi – Torino
240) Francesca Pannozzo
241) Marta Bertoldi – Perugia
242) Gabriele De Santo – Napoli
243) Chiara Sasso (reti comuni solidali)
244) Avv. Federica Boggio – Torino
245) Avv. Donatella Bava – Torino
246) Avv. Stefania Viano – Torino
247) Dott.ssa Viviana Petrozziello – Torino
248) Salvatore Livorno (CGIL) – Padova
249) Sergio Torelli – Milano
250) Marco Massunta – Magistrato
251) Marco Caruso
252) Fabrizio De Sanctis