MANAGE
CERCA
Altro in Iniziative
Anche a Torino la rassegna cinematografica "Diritti al cinema"
Napoli, mercoledì 20.11.'19, ore 17: Scrivere con la polvere - Amianto: tra legislazione e giurisprudenza
"INVISIBILI", a Venezia-Mestre, Mirano e San Dona' di Piave la rassegna DIRITTI AL CINEMA 2019-20
Venezia, giovedì 10 ottobre 2019, ore 16,30: Convegno sull'autonomia regionale differenziata
Ginevra, Onu, 4.7.2019, ore 12,30: Migration policy in Italy: human rights in the abyss
Roma, martedì 2.7.'19: Un magistrato per il cittadino: Autogoverno od eterogoverno della Magistratura?
Napoli, 19 maggio 2019: seconda conferenza internazionale dei giuristi del Mediterraneo: "AUTODETERMINAZIONE, DIRITTI UMANI E MIGRAZIONI"
Pubblicati gli atti del convegno "Cambiamenti climatici e migrazioni"
"La difesa è sempre legittima?" - Dibattito, Spinea (VE), 14.2.'19
Orizzonti sconfinati: la legge Salvini fra terra e mare - Roma, 13.2.'19, ore 19
24 GENNAIO: GIORNATA INTERNAZIONALE DELL'AVVOCATO PERSEGUITATO - PRESIDIO IN TOGA C/O AMBASCIATA TURCHIA, ROMA, V.LE CASTRO PRETORIO, ALT. FERMATA METRO, ORE 17
Padova, Diritti al cinema 2019: La violenza
No al Decreto-legge Salvini, Sì alla Costituzione - Roma, 11.12.'18, ore 17,20
Finalmente disponibile online il documentario "ARCHIVIATO. L'obbligatorietà dell'azione penale in Valsusa"
I G.D. aderiscono alla manifestazione del 10.11 p.v., ore 14 a Roma, "Uniti/e e solidali contro il governo, il razzismo e il decreto Salvini"
 18 pagine  (259 risultati)
Per la Costituzione - conferenza
GD Padova 8 novembre 2004 3:53
L'associazione Giuristi Democratici "Giorgio Ambrosoli" e l'Associazione Magistratura Democratica Veneta

Invitano al dibattito sul tema

"Per la Costituzione -
Contro il suo eversivo ribaltamento"

che si terrà il giorno 11 novembre 2004, ore 11.00
presso il Tribunale di Padova
Aula N - piano terra

Interverranno

la Prof.ssa Lorenza Carlassare

il dottor Gaetano Campo

e il dottor Massimo Pallotta del Circolo "Libertà e Giustizia"

Solo un potere costituente può cambiare alla radice la Costituzione. La riforma - eversiva nella forma e nella sostanza - approvata dalla maggioranza della Camera il 15 ottobre scorso apre le porte ad un regime autoritario e, sancendo la diseguaglianza dei cittadini, nei servizi essenziali, secondo le diverse regioni, abroga i principi fondamentali di eguaglianza, libertà e solidarietà contenuti nella prima parte della Carta, che la Corte Costituzionale ha definito intoccabili.