MANAGE
CERCA
Violazione dei diritti umani in Turchia e ripercussioni in Europa e In Italia
Redazione 17 marzo 2016 8:6
SABATO 19 MARZO 2016 - 14,30 -18,30
BOLOGNA
VIA MARSALA N. 12
C/O CIRCOLO UFFICIALI - SALA EX TRIBUNALE MILITARE – PIANO 1

Giuristi Democratici e ASGI

Con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti

Introduce le relazioni e modera: Lorenzo Bianchi, giornalista – Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno

Saluti

Rappresentante dell’Ordine dei Giornalisti di Bologna

Rappresentante dell’Ordine degli Avvocati di Bologna                      

Relazioni

Barbara Spinelli, avvocata, Comitato Esecutivo di ELDH (Associazione avvocati europei per la democrazia e i diritti umani)

Violazione dei diritti umani in Turchia: dalla persecuzione di avvocati e attivisti per i diritti umani, alla violazione della Convenzione di Ginevra dei rifugiati, fino ai crimini contro l’umanità commessi nei confronti dei civili nel corso dello stato di emergenza. I riscontri delle delegazioni di avvocati ELDH.

Murat Cinar, giornalista turco

Libertà di stampa e persecuzione dei giornalisti in Turchia

Proiezione del video-documentario NEKUJE (Non uccidere) – regia di Xerip Siyabend dic. 2015

Il video documentario riporta un documentario RAI relativo alle violenze commesse dalle forze di sicurezza turche nei confronti dei civili curdi negli anni Novanta per ritornare poi a Silvan (Turchia) oggi, dopo le elezioni, e mostrare le violenze nei confronti dei civili durante il coprifuoco.

Ne?et Girasun, avvocato curdo in Turchia, a Diyarbakir, attivista per i diritti umani. Collega di studio di Tahir Elçi, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Diyarbakir e fondatore di Amnesty Turchia, ucciso nel corso di una conferenza stampa. E’ Avvocato dei giornalisti arrestati. In collegamento Skype

Violazione dei diritti umani in Turchia e crimini contro l’umanità commessi durante lo stato di emergenza nel Sud – Est della Turchia

Nazzarena Zorzella, ASGI, avvocata

Politiche e riforme legislative in materia di asilo: una lettura critica della risposta italiana alla crisi turca e all’afflusso dei profughi.