MANAGE
CERCA
Il reato di tortura: criticità applicative e e costi sociali - convegno
Redazione 17 ottobre 2017 9:57
Configurando la tortura come reato comune, in violazione degli impegni internazionali assunti dall'Italia con la ratifica della Convenzione ONU in materia, il legislatore ha operato un irragionevole svilimento della relazione asimmetrica che intercorre fra chi legittimamente detiene il monopolio della forza e chi subisce le conseguenze di un suo impiego abusivo e arbitrario.

Nell'ambito dell'Assemblea generale dell'Associazione, i Giuristi Democratici, che hanno più volte sollevato dubbi sull'opportunità e sull'efficacia della norma durante il lungo e travagliato iter della sua approvazione, promuovono una tavola rotonda multidisciplinare per esaminare le possibili ricadute della nuova normativa sul piano processuale ed economico-sociale.

ROMA 28 ottobre
ore 14,45 - 18,00
Città dell'Altra Economia (Largo Dino Frisullo)
 
Saluti introduttivi:

 

 Cesare Antetomaso (Avvocato, portavoce Giuristi Democratici di Roma)

 Eugenio Albamonte (presidente Associazione Nazionale Magistrati)

 

 

Coordina:

 

Paola Altrui (Giuristi Democratici di Roma)

 

 

Partecipano:

 

Andrea Pugiotto (Ordinario di Diritto costituzionale, Università  di Ferrara)

 

 

Enrico Zucca (Sost. Procuratore generale, già  PM nel processo Diaz)

 

 

Adriano Zamperini (Psicologo sociale, autore del volume Violenza e democrazia)

 

 

Fausto Gianelli (Avvocato, Giuristi Democratici di Modena)

 

 

Cristina Ornano (Segretaria Area-Magistratura Democratica)

 

 

Valerio Spigarelli (Avvocato, già  Presidente Unione Camere Penali)

 

 

E' stato richiesto l'accreditamento al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati per i crediti formativi

 

Per informazioni e prenotazioni: giur.dem.roma@gmail.com