MANAGE
CERCA
Altro in Internazionali
Intervento dei G.D. alla Commissione dei diritti umani dell'Europarlamento sui rapporti tra Governo turco e popolo curdo
Manifestazione nazionale di sostegno al popolo curdo: l'intervento dei Giuristi Democratici
Giornata dell'avvocato minacciato: i Giuristi Democratici ricevuti dall'Ambasciata del Pakistan in Italia
Lettera aperta dei G.D. e altre associazioni della rete "In difesa di" e della Rete per la Pace per la liberazione di Patrick Zaky
24 gennaio 2020: decima Giornata internazionale dell'avvocato minacciato - Pakistan
I Giuristi Democratici al fianco del popolo cileno, per la fine della repressione violenta delle manifestazioni di massa
I Giuristi Democratici al fianco del popolo boliviano e del suo presidente Evo Morales Ayma
Lettera di saluto al Congresso dei giuristi democratici filippini
La condanna dei dirigenti politici catalani, una pagina buia per lo stato di diritto in Europa
Si fermi subito l'aggressione turca alla Siria, intervenga l'Onu e l'Italia sostenga il governo regionale della Rojava
I Giuristi Democratici al fianco del popolo ecuadoriano
Contro la violazione dei diritti umani in Egitto e la repressione di chi li difende
I Giuristi Democratici italiani ricordano l'illustre giurista bulgaro Yossif Geron
Contributo dei Giuristi Democratici alla 41.a sessione del Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu (Ginevra, 4.7.'19, “Migration policy in Italy: human rights in the abyss”)
No al rafforzamento del blocco Usa a Cuba
 7 pagine  (98 risultati)
Lettera all'Ambasciatore della Repubblica del Sudan a Roma - arresto Farouk Abu Eissa
Redazione 17 dicembre 2014 19:14

Eccellenza,
abbiamo appreso dell'arresto a Karthoum di Farouk Abu Eissa, stimata figura di giurista, per molto tempo dirigente dell'Associazione internazionale dei giuristi democratici. Secondo le informazioni in nostro possesso Farouk Abu Eissa sarebbe stato arrestato per motivi politici a seguito delle sue attività di opposizione democratica all'attuale governo.
Chiediamo rispettosamente alle autorità sudanesi di procedere immediatamente al suo rilascio, dato che l'arresto pare in contrasto con le norme internazionali applicabili e in particolare con il Patto internazionale sui diritti civili e politici cui il Sudan ha aderito il 18 marzo 1986.
Con osservanza, il responsabile delle questioni europee e internazionali dell'Associazione giuristi democratici, Fabio Marcelli