MANAGE
CERCA
Altro in Internazionali
I Giuristi Democratici al fianco del popolo cileno, per la fine della repressione violenta delle manifestazioni di massa
I Giuristi Democratici al fianco del popolo boliviano e del suo presidente Evo Morales Ayma
Lettera di saluto al Congresso dei giuristi democratici filippini
La condanna dei dirigenti politici catalani, una pagina buia per lo stato di diritto in Europa
Si fermi subito l'aggressione turca alla Siria, intervenga l'Onu e l'Italia sostenga il governo regionale della Rojava
I Giuristi Democratici al fianco del popolo ecuadoriano
Contro la violazione dei diritti umani in Egitto e la repressione di chi li difende
I Giuristi Democratici italiani ricordano l'illustre giurista bulgaro Yossif Geron
Contributo dei Giuristi Democratici alla 41.a sessione del Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu (Ginevra, 4.7.'19, “Migration policy in Italy: human rights in the abyss”)
No al rafforzamento del blocco Usa a Cuba
Padova, 5 giugno 2019, ore 12,30 e 16,30: In ricordo di Berta Caceres - Per la difesa della terra e dei popoli
Roma, 7 giugno 2019, ore 16,30: "LA NUOVA COSTITUZIONE CUBANA"
Relazione della delegazione degli osservatori internazionali al processo contro avvocate ed avvocati Turchi dell'associazione CHD e sintesi del'incontro con gli Accademici per la pace
Conferenza stampa venerdì 5 aprile, ore 12, Roma: “IL PROCESSO ALLO STATO DI DIRITTO” - Turchia, le cifre drammatiche della repressione contro gli avvocati
I Giuristi Democratici per la liberazione dell'avvocata iraniana Nasrin Sotoudeh
 7 pagine  (93 risultati)
I Giuristi Democratici al fianco del popolo cileno, per la fine della repressione violenta delle manifestazioni di massa
Redazione 19 novembre 2019 23:17
Comunicato stampa

I Giuristi Democratici, di fronte alle grandi manifestazioni popolari in corso in Cile ed alla dura repressione che ne è conseguita, riaffermano la loro solidarietà incondizionata al movimento di massa che chiede l'abbandono delle politiche neoliberiste che hanno aggravato le diseguaglianze e peggiorato in modo intollerabile le condizioni di vita della popolazione. Va dato quanto prima seguito all'esigenza, chiaramente espressa dal popolo cileno, di una nuova Costituzione che superi quella varata dal golpista Pinochet. Chiediamo perciò l'immediata fine della repressione, con
la liberazione degli arrestati e la punizione di tutti coloro che, a qualsiasi livello, si sono resi colpevoli nelle ultime settimane di atti di vero e proprio terrorismo di Stato, quali omicidi mirati, sparizioni, torture, stupri e maltrattamenti di ogni tipo nei confronti delle e dei manifestanti. In tal senso, andranno esplorate le possibili vie di ricorso alla Corte penale internazionale che, come è noto, è competente per i crimini contro l'umanità, ossia
per i gravi atti di vario genere commessi nell'ambito di un attacco sistematico contro la popolazione civile. Al riguardo, va ricordato che il Cile dal 29 giugno 2009 ha sottoscritto lo statuto della Corte Penale.

 

19 novembre 2019

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI