MANAGE
CERCA
Altro in Internazionali
Intervento dei G.D. alla Commissione dei diritti umani dell'Europarlamento sui rapporti tra Governo turco e popolo curdo
Manifestazione nazionale di sostegno al popolo curdo: l'intervento dei Giuristi Democratici
Giornata dell'avvocato minacciato: i Giuristi Democratici ricevuti dall'Ambasciata del Pakistan in Italia
Lettera aperta dei G.D. e altre associazioni della rete "In difesa di" e della Rete per la Pace per la liberazione di Patrick Zaky
24 gennaio 2020: decima Giornata internazionale dell'avvocato minacciato - Pakistan
I Giuristi Democratici al fianco del popolo cileno, per la fine della repressione violenta delle manifestazioni di massa
I Giuristi Democratici al fianco del popolo boliviano e del suo presidente Evo Morales Ayma
Lettera di saluto al Congresso dei giuristi democratici filippini
La condanna dei dirigenti politici catalani, una pagina buia per lo stato di diritto in Europa
Si fermi subito l'aggressione turca alla Siria, intervenga l'Onu e l'Italia sostenga il governo regionale della Rojava
I Giuristi Democratici al fianco del popolo ecuadoriano
Contro la violazione dei diritti umani in Egitto e la repressione di chi li difende
I Giuristi Democratici italiani ricordano l'illustre giurista bulgaro Yossif Geron
Contributo dei Giuristi Democratici alla 41.a sessione del Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu (Ginevra, 4.7.'19, “Migration policy in Italy: human rights in the abyss”)
No al rafforzamento del blocco Usa a Cuba
 7 pagine  (98 risultati)
Manifestazione nazionale di sostegno al popolo curdo: l'intervento dei Giuristi Democratici
Redazione 18 febbraio 2020 18:4
Di seguito, il testo dell'intervento svolto in occasione della manifestazione del 15 febbraio scorso da Fabio Marcelli

I Giuristi Democratici sono oggi ancora una volta in piazza a fianco del popolo kurdo e delle forze democratiche turche che subiscono oggi l’oppressione da parte del regime di Erdogan.
La lotta del popolo kurdo ha il merito di esprimere valori universali come la giustizia, l’autodeterminazione dei popoli, la democrazia, la parità di genere e la tutela ambientale.
Il focus della lotta del popolo kurdo è oggi costituito dalla Rojava. Il sistema di autogoverno della Rojava, basato sul confederalismo democratico assume oggi un valore esemplare per il suo carattere multietnico e l’attuazione della parità di genere. Per questo motivo oggi è sottoposto all’aggressione sanguinosa da parte del regime di Erdogan.
Denunciamo con forza il progetto di pulizia etnica che vorrebbe spostare nel Nord Est della Siria milioni di profughi siriani cacciando le popolazioni che lo occupano da tempo. Chiediamo alla comunità internazionale di bloccare tale progetto e al presidente russo Putin di dissociarsene.
Chiediamo con forza la liberazione di Ocalan. Il processo in base al quale è stato condannato è viziato da violazioni procedurali e sostanziali insanabili. Da oltre vent’anni il leader kurdo è detenuto in condizioni disumane nell’isola di Imrali. La sua liberazione costituirebbe un segnale di fondamentale importanza per una nuova fase storica del Medio Oriente, caratterizzata dalla convivenza pacifica e dal dialogo fra le varie comunità.
L’Italia ha nei confronti di Ocalan un debito di particolare importanza dato che fra l’altro il Tribunale di Roma gli ha da tempo riconosciuto lo status di rifugiato politico in base al dettato dell’art 10 della nostra Costituzione.
Vanno denunciate le complicità fra il regime turco e i terroristi dell’ISIS, accertate fra l’altro dal Tribunale dei popoli nelle sue recenti sessioni di Parigi e di Bruxelles. Migliaia di terroristi dell’ISIS sono oggi detenuti in Rojava e saranno sottoposti a processo penale a partire dalla primavera prossima. E’ importante che la comunità internazionale e le associazioni dei giuristi intervengano per assicurare lo svolgimento di tali processi, garantendone il carattere equo e l’osservanza dei principi e standard processuali comunemente riconosciuti. E’ altrettanto necessario che vengano identificate e sanzionate le complicità di cui l’ISIS ha goduto per scatenare le sue sanguinose aggressioni e attentati terroristici in Siria, Iraq, Turchia e altrove nel mondo.