MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
 24 pagine  (346 risultati)
No al reato di immigrazione clandestina
Redazione 3 giugno 2008 16:58
Comunicato stampa sul progetto di introdurre il reato di immigrazione clandestina nel nostro ordinamento.

Con le norme contenute nel cosiddetto “pacchetto sicurezza” il governo crea nuovi reati e nuove aggravanti per gli stranieri e introduce ostacoli al ricongiungimento familiare e alla permanenza di chi ha richiesto l’asilo politico. Contraddice persino la politica non certo progressista dell’Unione Europea, che, pur mettendo in primo piano la volont√† di prevenire e reprimere l’immigrazione illegale, chiede allo stesso tempo agli Stati membri di agevolare l’inserimento degli immigrati regolari, il loro diritto all’unione familiare, il loro pieno diritto d’asilo.
Il reato di “immigrazione clandestina” √® un vero e proprio tragico paradosso.
Da un lato l’Italia da anni ostacola gli ingressi legali, spinge di fatto i migranti nelle mani dei trafficanti di uomini, chiude un occhio nei confronti di chi utilizza il lavoro nero degli stranieri senza permesso, e dall’altro lato costringe gli stranieri irregolari a partecipare all’ipocrita lotteria dei “decreti flussi” per sanare la propria posizione (e si sa bene che il 90% delle domande riguardano stranieri che gi√† vivono e lavorano in Italia e non, come prevede la legge, che stanno nei loro paesi) e, da domani, li costringe a cercare di diventare ancora pi√Ļ clandestini per evitare il carcere.
Il reato di “immigrazione clandestina” secondo qualcuno, giustamente, √® solo propaganda. Propaganda s√¨, ma tragica.
E’ propaganda perch√© lo straniero che intende o √® costretto a migrare, non √® spaventato dal carcere (gi√† oggi rischia la vita attraversando deserti e mari o facendosi trasportare dentro a intercapedini in un camion). E’ propaganda perch√© non √® con gli arresti che si allontana lo straniero senza permesso di soggiorno e lo sappiamo bene noi che da anni vediamo ogni mattina le inutili e costose udienze direttissime celebrate contro chi non ha ottemperato all’ordine del Questore di allontanarsi dall’Italia. E’ tragica propaganda perch√© sottrae tempo, mezzi e denaro alle forze dell’ordine e alla magistratura, costretti ad occuparsi di marginalit√† e non di delitti. E’ tragica propaganda perch√© render√† ingovernabili le carceri. E’ tragica propaganda perch√© si abbatter√† sulla pelle di quegli uomini e di quelle donne a cui la stessa Italia ha reso impossibile l’ingresso legale con una legge che pretende che lo straniero entri legalmente in Italia solo quando un datore di lavoro, che per la legge non lo conosce e non l’ha mai visto, faccia richiesta proprio di lui.
I Giuristi Democratici invieranno nei prossimi giorni un dettagliato appello ai parlamentari perch√© le norme del cosiddetto “pacchetto sicurezza” non siano in contrasto con quanto previsto dalla nostra Costituzione, dai trattati internazionali e dalle ripetute pronunce della Corte Costituzionale, che anche recentemente ha avvertito con la sentenza 22 del 2007 che la legislazione italiana sugli stranieri “presenta squilibri, sproporzioni e disarmonie, tali da rendere problematica la verifica di compatibilit√† con i principi costituzionali di uguaglianza e di proporzionalit√† della pena e con la finalit√† rieducativa della stessa”.
03 giugno 2008
Associazione Nazionale Giuristi Democratici