MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Appello all'ONU contro l'embargo a Cuba
Redazione 9 ottobre 2008 09:57

Il blocco statunitense contro Cuba costituisce una violazione del diritto internazionale e dei diritti umani.
Gli Stati Uniti, attraverso le misure contenute nelle varie leggi volte a condizionare Cuba, pongono limiti inaccettabili alla libertà di commercio, conculcano il diritto di autodeterminazione del popolo cubano e mettono a repentaglio i diritti fondamentali di tale popolo negandogli l'accesso a beni essenziali. Sono colpiti anche quei settori che per motivi differenti, negli stessi Stati Uniti, vogliono portare avanti un normale interscambio commerciale con Cuba, come pure la società civile che aspira a rapporti normali di comunicazione e cooperazione. Tale inaccettabile politica è dovuta all'incapacità del governo degli Stati Uniti di rispettare la sovranità del popolo e del governo cubano. I giuristi democratici, associandosi alle numerose voci che chiedono la fine del blocco, auspicano che l'Assemblea generale che quest'anno voterà per l'ennesima volta una risoluzione in questo senso, possa indicare altresì soluzioni concrete e rendere effettiva la condanna delle misure statunitensi.

7 ottobre 2008
Associazione Nazionale Giuristi Democratici