MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
 21 pagine  (314 risultati)
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
Redazione 17 gennaio 2011 22:39
Di fronte a un'offensiva senza precedenti nei confronti delle conquiste di civiltà e democrazia nel campo del lavoro e della rappresentanza sindacale, è giunto il momento di ribadire che il rispetto della Costituzione repubblicana deve partire dai luoghi di lavoro.
Per questo, i Giuristi Democratici saranno in piazza il 28 gennaio per esprimere il proprio sostegno ai lavoratori.

I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom in occasione dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
Di fronte a un'offensiva senza precedenti nei confronti delle conquiste di civiltà e democrazia nel campo del lavoro e della rappresentanza sindacale, è giunto il momento di ribadire che il rispetto della Costituzione repubblicana deve partire dai luoghi dove è più difficile far rispettare i diritti, ossia dai luoghi di lavoro.
Affermare il contrario, significa esattamente spalancare la porta a una deriva che porta dritti all'ottocento.
Per questo, i Giuristi Democratici saranno in piazza per esprimere il proprio sostegno ai lavoratori, impegnati a difendere la contrattazione collettiva e a contrastare la desertificazione delle garanzie legislative del lavoro, nelle manifestazioni che si svolgeranno in ogni regione d'Italia.

Torino-Padova-Roma-Napoli-Palermo, 17 gennaio 2011
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI