MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
 21 pagine  (314 risultati)
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
Redazione 24 marzo 2011 19:43
26 marzo 2011

Ore 14.00 - Piazza della Repubblica

Manifestazione nazionale a Roma

VOTA SI' AI REFERENDUM PER L’ACQUA BENE COMUNE!

SI' per fermare il nucleare, per la difesa dei beni comuni, dei diritti, della democrazia

I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma, che ha assunto il carattere di mobilitazione su tre temi tutti fondamentali.

1. Il no alla privatizzazione delle risorse idriche e per l'affermazione del concetto di bene comune, da gestire secondo la logica dell'intresse della collettivitàe non secondo quella del profitto.

2. Il no al nucleare, di cui la tragedia dello tsunami in Giappone ha riaffermato il carattere di tecnologia estremamente rischiosa e che non costituisce per nulla un'alternativa valida alle energie fossili.

3. Il no alla guerra in Libia.
Riaffermiamo a tale ultimo proposito il sostegno ai movimenti democratici che stanno scuotendo tutto il mondo arabo. Chiediamo che la guerra civile in corso in Libia venga risolta attraverso mezzi pacifici. Abbiamo espresso la condanna nei confronti del regime liberticida e repressivo di Gheddafi, ma non avalliamo l'intervento militare occidentale che sta, come al solito, aggravando la situazione e che persegue scopi di natura neocoloniale. Tacciano le armi e si dia al popolo libico nel suo complesso la possibilità di decidere il suo destino in conformità ai fondamentali principi di autodeterminazione e non intervento. La comunità internazionale fermi il bagno di sangue in corso e metta in opera soluzioni diplomatiche in conformità alla Carta delle Nazioni Unite.
Associazione Nazionale Giuristi Democratici
24 marzo 2011 Torino, Roma, Napoli, Palermo, Padova.