MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 23 pagine  (337 risultati)
Sugli arresti dei militanti No TAV: la custodia cautelare non può essere utilizzata come mezzo di repressione del conflitto sociale
Redazione 3 febbraio 2012 21:23

La recente emissione di misure cautelari nei confronti di esponenti del movimento No TAV da parte del GIP presso il Tribunale di Torino non può non stupire ed amareggiare ogni sincero garantista, giurista o cittadino che sia.
L'uso della misura cautelare in carcere non in flagranza di reato, a distanza di circa sette mesi dai fatti contestati, per i reati di resistenza e violenza a P.U., lesioni e danneggiamento, reati che, in molte situazioni analoghe, hanno portato, a tutto concedere, a condanne a pena sospesa, appare francamente inaccettabile.
Le esigenze cautelari ritenute presenti sono quelle legate alla possibile reiterazione dei reati commessi in quei giorni, e ci√≤ appare gi√† in contrasto con l'aver atteso sette mesi per l'emissione delle misure; ma ci√≤ che pi√Ļ sorprende √© la candida affermazione del Giudice per cui il rischio di reiterazione √© presente perch√© i lavori del TAV dureranno, secondo le sue previsioni, almeno due anni: dunque, si deve ritenere che le esigenze cautelari si protrarranno per tutto questo periodo?
E come si concilia una simile decisione in una situazione di sovraffollamento carcerario?
In conclusione, non si pu√≤ accettare che uno strumento delicato ed estremo quale la custodia cautelare venga utilizzato come mezzo di repressione del conflitto sociale generale, in cui le posizioni (e le responsabilit√†) personali sono poste in secondo piano. In altri termini, l’intervento giudiziario √® stato trasformato – stavolgendolo – da strumento di accertamento di responsabilit√† individuali differenziate a mezzo finalizzato a garantire l’ordine pubblico.
Ci auguriamo che il Tribunale del Riesame riconduca i fatti nella loro giusta ottica di individuazione, e con gli indagati a piede libero, delle eventuali responsabilità personali.
Torino, Roma, Napoli, Bologna, Padova, 3 febbraio 2012.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI