MANAGE
CERCA
I Giuristi democratici discutono il "Ricorso rifiuti" al Tar del Lazio
Redazione 11 luglio 2012 17:39

Gli avvocati dei Giuristi Democratici Mario Sabatino, Silvio Bozzi e Pietro Adami hanno discusso durante la Camera di Consiglio di oggi, davanti alla prima sezione del TAR Lazio presieduta dal Presidente Calogero Piscitello, il "ricorso rifiuti" nell'interesse dei Consiglieri della Regione Lazio Claudio Bucci e Vincenzo Maruccio, del Consigliere della Provincia di Roma Danilo Amelina, nonchĂ© dell'Associazione “Comitato Rifiuti Zero Riano”, dell'Associazione “Comitato Rifiuti Zero Corcolle”, del Comitato di Quartiere "Giardini di Corcolle" del Comitato di Quartiere "Colle degli Abeti Roma" e altri. Il TAR Lazio si è riservato di decidere il merito del ricorso con immediata sentenza.

L'avv. Sabatino dopo l'udienza ha dichiarato: «L’istruttoria e il tempo trascorso dal ricorso iniziale hanno confermato tutti i nostri assunti e dunque la fondatezza dei motivi di ricorso:
- l’emergenza non sussisteva nei termini dichiarati: non vi era stata alcuna seria istruttoria da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
- si è confermata la assoluta superficialità della cosiddetta analisi preliminare, tanto che i siti di Corcolle e di Quadro Alto si sono rivelati inidonei;
- si è altresì dimostrato che le corrette scelte in termini di trattamento rifiuti sono più economiche e rapide della realizzazione dei mega-impianti;
- si è dimostrato che le discariche che il Commissario dovrebbe realizzare non sarebbero affatto provvisorie;
- si è dimostrato che un vizio dei provvedimenti impugnati sussisteva nel vincolare il Commissario a realizzare interventi irrispettosi del criterio gerarchico fissato dalle norme europee. Da questo, oggi deriva l’inutilitĂ  della Gestione Commissariale ed anzi la sua dannositĂ : il Commissario non ha il compito di risolvere il problema dei rifiuti nel miglior modo, piĂą celere e rispettoso delle norme ambientali, ma ha un vincolo a realizzare discariche».

Secondo l'avv. Adami, «la gestione Commissariale ha completamente fallito nella realizzazione dei suoi obiettivi, giĂ  peraltro illegittimi sin dalla sua istituzione. La gestione dei rifiuti deve necessariamente essere restituita agli enti territoriali (e dunque ai consiglieri comunali, provinciali e regionali qui ricorrenti), unici legittimi detentori del relativo potere, con gli strumenti di cui essi si sono dotati in conformitĂ  all’ordinamento, italiano e comunitario».

L'avv. Bozzi aggiunge: «I ricorrenti consiglieri regionali e provinciali chiedono di poter recuperare il ruolo per il quale sono stati eletti e che hanno diritto di svolgere; è stato peraltro dimostrato che gli organismi democraticamente eletti possono essere piĂą efficienti dell’organismo commissariale. I ricorrenti si trovano ora nella paradossale situazione di veder bloccata la loro attivitĂ  da un soggetto completamente paralizzato (anche per effetto del limitato ruolo a lui attribuito), o addirittura di dover quasi pietire dallo stesso soggetto attenzione per le loro proposte (si vedano le mozioni del Consiglio Regionale e del Consiglio Provinciale approvate nel mese di giugno)».

L'udienza si è conclusa con una richiesta minima e subordinata: annullamento (e sospensione) parziale dei provvedimenti impugnati, laddove vincolano il Commissario unicamente alla realizzazione di discariche e non a ogni intervento utile e conforme a legge.

«Se proprio il Lazio deve essere gestito da un commissario», ha dichiarato infine l'Avv. Adami, «che almeno abbia il potere di far partire il ciclo della raccolta differenziata».