MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 23 pagine  (337 risultati)
L'intollerabile situazione carceraria e l'astensione dalle udienze indetta dall'UCPI
Redazione 21 novembre 2012 12:23
Comunicato dell'Associazione Nazionale in occasione dell'astensiona dalle udienze indetta per il 22 novembre 2012 dall'Unione Camere Penali Italiane.

Ormai sembrerebbe inutile ribadire che la situazione carceraria in Italia è diventata incompatibile con i principi di un paese democratico e con il rispetto di diritti civili e umani fondamentali, ma di fronte alla mancanza di interventi è necessario ribadirlo con forza.

E’ per questo che i Giuristi Democratici condividono le motivazioni per le quali l’Unione della Camere Penali Italiane hanno indetto l’astensione dalla udienze penali per il 22 novembre. Se lo strumento dell’astensione non √® forse il migliore e il pi√Ļ incisivo per dar voce e forza a tutti coloro che chiedono al Parlamento e al Governo di dar corso ad iniziative concrete per ridurre l’uso del carcere come pena e per portare all’interno del carcere le vere e insostituibili le condizioni perch√© la pena sia effettivamente uno strumento rieducativo e non la negazione di diritti fondamentali e l’umiliazione del condannato, ogni iniziativa che ponga all’attenzione dell’opinione pubblica l’insostenibilit√† dell’attuale situazione carceraria va comunque sostenuta.

Come evidenziato dalle Camere Penali, la concezione che pone la pena detentiva al centro del sistema penale √® un retaggio che condiziona ancora il nostro sistemo politico e giudiziario, aumentandone i connotati autoritari. Dall’abuso – ormai sistematico – della carcerazione preventiva all’impraticabilit√† o al vero e proprio divieto di misure alternative al carcere per i condannati discende l’attuale situazione di emergenza, che vuol dire per il singolo uomo e la singola donna detenuta la negazione di un percorso rieducativo e l’inflizione di condizioni di vita intollerabili.

La legislatura volge al termine, ma c’√® ancora il tempo per misure che affrontino questa emergenza, restituendo dignit√† ai carcerati e fornendo strumenti alternativi alla carcerazione.

Torino, Padova, Bologna, Roma, Napoli, 21 novembre 2012
Associazione Nazionale Giuristi Democratici