MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
In difesa di Stefano Rodotà
Redazione 25 settembre 2013 16:47

L'Associazione nazionale Giuristi Democratici esprime la massima solidarietà a Stefano Rodotà, vittima di una grave aggressione da parte del Ministro Alfano, che strumentalizzando una dichiarazione del Prof. Rodotà -preoccupato per l'interesse espresso da due brigatisti rossi nei confronti della questione TAV- ha ignobilmente accostato lo stesso alle Brigate Rosse, paventandone l'"inquietante" ingresso nella schiera dei "cattivi maestri", con un'operazione subito mediaticamente amplificata dai quotidiani "Il giornale" e "Libero".
Ciò che invece risulta veramente inquietante in questa vicenda è il tentativo, vano ma compiuto con subdola malafede, di delegittimare l'impegno in prima persona del Prof. Rodotà per la costruzione di un fronte largo per la salvaguardia della Costituzione dai colpi di mano che la maggioranza di Governo sta tentando di apportare.
Impegno che continua a guadagnare consensi, ma che evidentemente, in maniera simmetrica, preoccupa chi vede la partecipazione popolare come un ostacolo alle proprie inconfessabili mire.
Ragione in più, per la nostra Associazione, per confermare il sostegno a Stefano Rodotà e a tutti i sottoscrittori dell'appello "Costituzione: la via maestra" e lo sforzo per la piena riuscita di tutte le mobilitazioni in programma.

Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli, 24 settembre 2013

Associazione nazionale Giuristi Democratici