MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Solidarietà a Feliciano Valencia
Redazione 29 settembre 2015 17:41
Comunicato dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici

L'Associazione Italiana dei Giuristi Democratici chiede l'immediata liberazione del dirigente indigeno colombiano Feliciano Valencia, condannato a diciotto anni di carcere in quanto ritenuto responsabile del sequestro e della pena inflitta a un militare che si era infiltrato tra i ranghi degli indigeni per provocare incidenti e che era stato individuato e punito a norma delle leggi tradizionali indigene, riconosciute come legittime dallo Stato colombiano. Valencia era stato in precedenza assolto da altro giudice, ma il verdetto è stato rovesciato in appello.

La condanna inflitta a Valencia, in violazione dell'espresso riconoscimento dei diritti degli indigeni salvaguardati dalle leggi nazionali colombiane e da quelle internazionali, entra in conflitto con la volontà di pace del popolo colombiano, sostenuta in particolare dal movimento indigeno, volontà che sta finalmente portando verso una conclusione positiva i lunghi negoziati tra governo e le formazioni guerrigliere delle FARC.
29 settembre 2015