MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
 23 pagine  (337 risultati)
Solidarietà a Feliciano Valencia
Redazione 29 settembre 2015 17:41
Comunicato dell'Associazione Nazionale Giuristi Democratici

L'Associazione Italiana dei Giuristi Democratici chiede l'immediata liberazione del dirigente indigeno colombiano Feliciano Valencia, condannato a diciotto anni di carcere in quanto ritenuto responsabile del sequestro e della pena inflitta a un militare che si era infiltrato tra i ranghi degli indigeni per provocare incidenti e che era stato individuato e punito a norma delle leggi tradizionali indigene, riconosciute come legittime dallo Stato colombiano. Valencia era stato in precedenza assolto da altro giudice, ma il verdetto è stato rovesciato in appello.

La condanna inflitta a Valencia, in violazione dell'espresso riconoscimento dei diritti degli indigeni salvaguardati dalle leggi nazionali colombiane e da quelle internazionali, entra in conflitto con la volontà di pace del popolo colombiano, sostenuta in particolare dal movimento indigeno, volontà che sta finalmente portando verso una conclusione positiva i lunghi negoziati tra governo e le formazioni guerrigliere delle FARC.
29 settembre 2015