MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
Sull'assassinio di Tahir Elci avvocato curdo
Redazione 29 novembre 2015 11:39
Comunicato dei Giuristi Democratici

Nell'allegato il comunicato congiunto dell'Intenational Association of Democratic Lawyers e dell'European Association of Lawyers for Democracy and World Human Rights
Mentre era in corso a Torino la Conferenza nazionale dell'Avvocatura italiana siamo stati raggiunti dalla drammatica notizia dell'uccisione di Tahir Elci, Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Diyarbakir.
Il nostro collega è stato ucciso mentre teneva una conferenza stampa, all'aperto, circondato da numerosi colleghi, in difesa dei diritti della popolazione Kurda duramente colpita dalla repressione del Governo turco.
Tahir Elci era stato da poco arrestato per il reato di propaganda in favore del PKK, ritenuto organizzazione terroristica; scarcerato, stava subendo il processo nel quale l'Accusa aveva richiesto per tale reato la condanna ad anni 7 di reclusione.
Ma incarcerarlo era, evidentemente, troppo poco!
Tahir Elci era noto in Turchia e all'estero come strenuo difensore dei diritti civili e umani ed in tale veste aveva partecipato a numerosi processi sia in difesa di  attivisti di movimenti di opposizione al governo Erdogan, sia contro esponenti dell'apparato governativo responsabili di gravi violazioni di quei diritti.
Il suo assassinio rappresenta un'offesa ed un attacco a tutta l'Avvocatura ed un monito perché essa non disturbi l'esercizio del potere.
Ma il compito dell'Avvocatura è sempre stato, e continuerà ad essere, quello di garantire ai cittadini il pieno rispetto della legalità e dei principi universali  che sanciscono i diritti fondamentali dell'uomo.
Chiediamo che tutta l'Avvocatura italiana si mobiliti in segno di solidarietà con i colleghi turchi, manifestando lo sdegno e l'indignazione per questo vigliacco attacco ad un uomo che rappresentava gli ideali che devono guidare la nostra professione.
Torino-Padova-Bologna-Roma-Napoli 29 novembre 2015.
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI