MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
La vittoria del No è una vittoria della Democrazia
Redazione 5 dicembre 2016 22:31
Comunicato stampa dopo la vittoria del No al referendum sulla Costituzione Italiana
I Giuristi Democratici hanno espresso da subito il proprio NO a una modifica-revisione della Costituzione che apriva la strada a possibili derive autoritarie.
Prima ancora, i Giuristi Democratici hanno espresso un proprio NO a una riforma della Costituzione figlia di una transitoria maggioranza parlamentare e non di un consenso ampio fra le forze politiche e sociali del Paese.
Crediamo di avere, per quanto potevamo, contribuito a diffondere una cultura su cosa sia e quanto sia importante una Costituzione e perchè fosse importante partecipare al voto, dando una chiara indicazione.
La vittoria del NO è anche una nostra vittoria, ma non ci nascondiamo che questa non è una vittoria definitiva. Sappiamo bene che tra chi ha votato NO vi sono forze politiche che domani proporranno modifiche-revisioni della Costituzione ancora peggiori e, come hanno già fatto in passato, a colpi di maggioranza, che solo il voto popolare ha sconfitto.
I Giuristi Democratici continueranno a svolgere il proprio compito di difensori della Costituzione, consci che anche la Costituzione può e potrà essere modificata, ma solo nel rispetto, non solo formale, delle regole e solo per ampliare, e non per ridurre, i diriitti dei cittadini.
 
Torino, Padova, Bologna, Roma, Napoli, 05 dicembre 2016
Associazione Nazionale Giuristi Democratici