MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 23 pagine  (336 risultati)
In ricordo di Francesca La Forgia
Redazione 9 giugno 2017 15:34
E' somparsa ieri, prematuramente, la nostra collega Francesca La Forgia di Molfetta.
Francesca è stata la fondatrice della sede dei GD di Bari ed ha sempre partecipato con passione ed entusiasmo alle nostre iniziative in tema di difesa dei diritti dei soggetti più deboli.

Francesca, non Ti dimenticheremo.
Pubblichiamo un breve, ma significativo, messaggio di ricordo e di cordoglio  di Simonetta Crisci.
 
 
Leggo costernata questa notizia! Non sapevo che Francesca stesse male. L'ho ospitata a Roma in occasione della presentazione del suo libro al Parlamento e ho ammirato la sua determinazione e competenza nell'illustrare la condizione di donna nelle istituzioni e nella societa'. Ci ha dato la sua vita per studiare e approfondire le ragioni della discriminazione di genere, ma non ha mai trascurato i più deboli e discriminati come i migranti, che ha sempre difeso generosamente non curando della sua condizione economica che l'ha condotta a vedere sempre più minimi gli spazi necessari al suo lavoro. Cosi' la sua trascuratezza fisica l'ha consunta fino a non curare il suo fisico e la sua persona. L'avevo sollecitata alla difesa di una donna perseguitata da un uomo che la assillava e perseguitava con violenze fisiche e morali e lei si era profusa nella difesa aiutando la  donna con affetto e sollecitudine.
Lascera' sicuramente un vuoto incolmabile nei nostri ricordi.
Ciao Francesca.