MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietĂ  con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 23 pagine  (336 risultati)
Comunicato sulla visita del Presidente turco Erdogan
Redazione 2 febbraio 2018 13:53

I Giuristi Democratici protestano contro l’accoglienza predisposta dal Governo italiano per il Presidente turco Erdogan in occasione della sua visita a Roma per un colloquio con il Pontefice.

La visita di Erdogan, alla luce della persecuzione da parte del regime turco di avvocati, giornalisti, accademici e attivisti per i diritti umani, delle violenze in occasione delle operazioni elettorali e di atti commessi durante le operazioni di coprifuoco nei confronti della popolazione curda in Turchia, che appaiono costituire crimini contro l’umanità, costituisce una grave offesa al popolo italiano, alle istituzioni repubblicane ed alla Costituzione stessa.

Negli ultimi anni i Giuristi Democratici hanno puntualmente documentato le violazioni dei diritti umani avvenute in Turchia; qualunque straniero abbia cercato di documentare questi crimini, e tra questi molti giornalisti italiani così come un’avvocata della nostra Associazione, ha ricevuto un divieto di reingresso in Turchia da parte del Ministero dell’Interno turco.

Da ultimo, il Governo turco si è reso responsabile, in aperta violazione del diritto internazionale, di un attacco contro la popolazione del Cantone di Afrin, nel nord della Siria.

Simili condotte devono trovare oggi la netta ripulsa da parte del popolo italiano, costituendo una evidente minaccia per la pace e la democrazia in Turchia e nel mondo.

Il Governo e le Istituzioni democratiche italiane non possono accettare questa visita di Stato senza tenere conto della brutale repressione compiuta dal regime turco contro la societĂ  civile e piĂą in generale in violazione dei diritti umani.

I Giuristi Democratici continueranno nell’opera di denuncia del comportamento del Governo turco e per tali ragioni aderiranno alle manifestazioni indette nelle piazze italiane per contrastare la decisione del Governo italiano di tributare un’accoglienza ad Erdogan, auspicando comunque che le autorità italiane che lo incontreranno gli chiedano conto dei comportamenti contro i diritti umani commessi.

 

2 febbraio 2018

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI