MANAGE
CERCA
I Giuristi democratici condannano la strage di palestinesi e chiedono l'apertura immediata di un procedimento contro i responsabili militari e politici israeliani da parte della Corte penale internazionale
Redazione 31 marzo 2018 11:36
L'orribile strage di civili palestinesi compiuta da cecchini militari israeliani costituisce con drammatica evidenza un nuovo crimine contro l'umanità compiuto dal governo Netanyahu.
 
La sparatoria è cominciata quando la manifestazione dei palestinesi era ancora lontana dalla linea di confine e si è tramutata in un vero e proprio tiro al bersaglio contro persone inermi in fuga, come attestato dai filmati.
 
Il bilancio di almeno 16 vittime e centinaia di feriti parla chiaro. √ą il risultato di uno "scontro" fra uno dei pi√Ļ equipaggiati e potenti eserciti esistenti e una manifestazione disarmata.
Si tratta quindi con ogni evidenza di un crimine contro l'umanità perseguibile ai sensi dello Statuto della Corte penale internazionale, articolo 7, comma primo, lettera a.
 
√ą quindi necessario e urgente che, anche per evitare nuovi massacri e l'alimentazione ulteriore dell'odio promosso dal governo israeliano, la Corte penale internazionale intervenga, aprendo il procedimento contro i responsabili militari e politici israeliani da tempo richiesto dall'Autorit√† palestinese che ha aderito allo Statuto.
 
Invitiamo il Governo italiano a esprimere condanna e preoccupazione per gli atti di aggressione da parte dell’esercito di Israele in violazione di innumerevoli risoluzioni del CdS Onu, dalla n. 194 del 1948, e che stanno trasformando in un massacro la manifestazione palestinese per il diritto al ritorno nei territori occupati che dovrebbe protrarsi sino al 15 maggio.
 
 
31 marzo 2018
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI