MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi Democratici esprimono preoccupazione per il rischio di compressione dei diritti costituzionali dopo i fatti occorsi a Roma il 15 ottobre
Verso il 15 ottobre: comunicato congiunto Giuristi Democratici e Legal Team Italia
CEDAW, pubblicate le raccomandazioni dell'ONU: in Italia donne rappresentate come oggetti sessuali
Tornare alla gratuità delle cause di lavoro
Decreto legge 98/2011 ovvero la fine della gratuità del processo del lavoro
Sovraffollamento delle carceri: che fare?
I Giuristi Democratici esprimono solidarietà alla protesta condotta da Marco Pannella contro le incivili condizioni di vita in carcere
I Giuristi Democratici salutano con soddisfazione la celebrazione dei processi Eternit e Thyssen Krupp
I Giuristi Democratici sostengono il dissenso non violento dei cittadini e delle amministrazioni locali contro la TAV in Val di Susa
Due Sì ai referendum per l'acqua bene comune
I Giuristi democratici esprimono dolore per l'assassinio di Vittorio Arrigoni
L'Associazione Giuristi Democratici esprime soddisfazione per l'esito del processo ThyssenKrupp
I Giuristi democratici aderiscono alla manifestazione nazionale di sabato 26 marzo a Roma
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
 23 pagine  (334 risultati)
I Giuristi Democratici aderiscono alla manifestazione indetta oggi a fianco del popolo palestinese
Redazione 12 maggio 2018 14:20

I Giuristi Democratici condannano senza riserve la politica di apartheid, pulizia etnica, massacri e negazione dei più elementari diritti umani portata avanti dal governo Netanyahu  nei confronti dei palestinesi.
Condanniamo altresì le intollerabili complicità dei governi occidentali ed europei, tra i quali quello italiano, e l'infausta decisione di far partire il Giro d'Italia da Gerusalemme.
Netanyahu, i suoi ministri e i suoi generali devono essere subito giudicati dalla Corte penale internazionale per i crimini di guerra e contro l'umanità che continuano a commettere.
Continuiamo a lottare per una soluzione pacifica basata sulla coesistenza ed uguali diritti di tutti i popoli dell'area.

12 maggio 2018

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI