MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietĂ  con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 23 pagine  (336 risultati)
I Giuristi Democratici esprimono solidarietĂ  ad Ottavia Piccolo
Redazione 11 settembre 2018 21:30

La notizia dell’avvenuto blocco (per fortuna momentaneo) da parte delle Forze dell’Ordine dell’attrice Ottavia Piccolo, che partecipava ad una pacifica manifestazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro, mentre cercava di entrare alla Mostra del Cinema di Venezia, motivato dal fatto che la stessa portava al collo un fazzoletto dell’ANPI, è indicativa della gravità del momento che stiamo vivendo; portare su di sé un simbolo di un’associazione che si richiama direttamente ai valori antifascisti della nostra Costituzione  e volerlo conseguentemente introdurre in un ambito pubblico diventa un atto che richiede una valutazione di ammissibilità e opportunità da parte delle Forze dell’Ordine, che si arrogano il diritto di consentirlo o di vietarlo!

E già ciò appare inaccettabile in una democrazia compiuta, ma se a ciò si aggiunge la possibilità, ventilata dalla stessa Ottavia Piccolo, che il funzionario di Polizia non conoscesse nemmeno la natura e le ragioni fondative dell’ANPI, allora la situazione diventa drammaticamente lo specchio di una carenza culturale e formativa della nostra società, che si evidenzia anche all’interno delle Forze dell’Ordine: portare al collo un fazzoletto dell’ANPI o impugnare una bandiera di un’organizzazione fascista vengono equiparati e trattati nello stesso modo, obliterando completamente i valori alla base della nostra Costituzione.

Esprimiamo, dunque, la nostra solidarietà a Ottavia, da sempre attiva nella difesa dei valori e dei diritti dei lavoratori e sensibile alle tematiche che la nostra Associazione porta avanti e rilanciamo il suo invito per una grande manifestazione i cui partecipanti indossino tutti il fazzoletto dell’ANPI, per non dimenticare.

11 SETTEMBRE 2018. 

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI