MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
I Giuristi democratici condannano la repressione delle manifestazioni democratiche di massa in Libia e chiedono che cessi ogni assistenza e cooperazione militare italiana al regime di Gheddafi
Dalle recenti vicende relative al Presidente del Consiglio deriva un pericoloso deterioramento del nostro Stato di diritto
Tunisia: è necessario sostenere il processo democratico
I Giuristi Democratici aderiscono all'appello "Uniti ce la possiamo fare", lanciato dalla Fiom CGIL in vista dello sciopero generale proclamato per il 28 gennaio.
I Giuristi Democratici esprimono rispetto e solidarietà con gli operai FIAT di Mirafiori
Sull'ammissibilità del referendum per l'acqua pubblica: è necessario assicurare il diritto dei cittadini ad esprimersi sulla gestione dell'acqua
Manifestazioni degli studenti: garantire la libera espressione del pensiero contro la deriva autoritaria del governo
I Giuristi Democratici ricordano con affetto Aldo Natoli
No alla consegna a Madrid dei tre giovani baschi reclusi in Italia
L'Associazione Nazionale Giuristi Democratici aderisce alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL
Ingiustificato l'attacco dell'UCPI allo sciopero indetto dall'ANM per il 1 luglio
Scuola Diaz di Genova: soddisfazione per l'esito della sentenza della Corte d'Appello di Genova
Per la giustizia e per i diritti di chi ci lavora - manifestazione
Il decreto legge elettorale: una ferita alla Costituzione
Sui fatti di Rosarno: contro ogni violenza, ma è indispensabile ripensare la questione immigrazione
 23 pagine  (336 risultati)
Comunicato sulla circolare del Ministero dell'Interno su Riace
Redazione 14 ottobre 2018 01:05
Non sarà una circolare del Ministero dell'Interno italiano a fermare un'esperienza di civiltà, di umanità, di solidarietà, di rispetto delle persone.
La circolare del Ministero dell'Interno di cui abbiamo avuto oggi notizia dalla stampa vuole distruggere uno dei rari esempi, se non l'unico, di convivenza civile che sia stato costruito in Italia, grazie al Sindaco e alla Giunta comunale di Riace.
La volontà, partita da un vertice e pedissequamente eseguita dagli ufficio burocratici del ministero, è chiara a tutti.
Non di sola disobbedienza civile si deve ora parlare. Ma di determinato rispetto della Costituzione repubblicana. Che dai soggetti che dovrebbero rappresentare le Istituzioni e che oggi occupano i loro vertici, non è considerato il primo dei loro doveri.
E su questa Costituzione questi stessi soggetti hanno giurato prima di prestare la loro funzione.
Da parte nostra, possiamo garantire che tutti gli strumenti giuridici verranno apprestati per impedire l'esecuzione di questa circolare.
Ma accanto agli strumenti che questo ordinamento democratico consente di utilizzare, esiste anche l'opposizione civile di tante persone, che in questo Paese non accettano sopraffazioni, abusi e soprusi anche se timbrati da ordinarie circolari istituzionali.
I Giuristi Democratici sono al fianco di coloro che, come a Riace, hanno scelto la vita civile e democratica all'insegna della solidarietà umana nel rispetto del principio costituzionale dell'eguaglianza.
 
13 ottobre 2018
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI