MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
Khaled El Qaisi libero subito. Si attivi il Ministro degli Esteri per chiedere l'immediata liberazione del cittadino italopalestinese arbitrariamente detenuto in Israele
16.5.'23: giornata italiana della Campagna internazionale #ObjectWarCampaign per la protezione degli obiettori di coscienza russi, bielorussi e ucraini
A sostegno del diritto di sciopero - No ai licenziamenti arbitrari
25 NOVEMBRE - PENSARE “GLOBALMENTE” ALLA LIBERTÀ DELLE DONNE
Il Governo italiano desista dalla condotta criminale attuata presso il porto di Catania e ritiri il decreto di permanenza temporanea
Quando il pericolo viene dal legislatore
Iran: cordoglio per la morte di Mahsa Amini e condanna per le gravissime violazioni dei diritti umani in corso
Il Premio Hans Litten 2022 assegnato alla nostra Simonetta Crisci
Venerdì 23 settembre: i Giuristi Democratici al fianco di Fridays For Future nello sciopero globale per il clima
Lorenza Carlassare. Una vita intera per far vivere la Costituzione
Per una coalizione d'emergenza per la Repubblica
I Giuristi Democratici ricordano Carlo Smuraglia, giurista e partigiano, sempre dalla parte dei deboli
Un 25 aprile di resistenza alla follia della guerra
Italia e UE non alimentino il conflitto russo-ucraino e i nazionalismi, ma insistano per il dialogo. Massima solidarietà all'Anpi
Direttiva anticortei, un allarmante invito alla restrizione dell'esercizio del diritto di riunione ed espressione del pensiero
 25 pagine  (361 risultati)
I G.D. esprimono sostegno all'azione della Mare Jonio e stigmatizzano l'operato del Ministro dell'Interno
Redazione 20 marzo 2019 19:57

 

La vicenda della nave Mare Jonio svela, ancora una volta, l'inaccettabile comportamento del Ministro dell'Interno in relazione al tema degli sbarchi, in corrispondenza temporale, tra l'altro, con il diniego espresso dal Senato all'autorizzazione a procedere contro il Ministro per i reati individuati nel caso Diciotti; allo stesso tempo, dimostra come esista un'Italia che sa esprimere sentimenti di solidarietà, anche quando ciò significa esporsi a conseguenze penali, oltre che mediatiche.

Il comportamento dell'equipaggio della Mare Jonio, a fronte del pericolo di vita dei migranti soccorsi, nonostante le disposizioni impartite dalla Guardia di Finanza, la disponibilità all'accoglienza data dal Sindaco di Lampedusa, l'atteggiamento cauto, ma rispettoso del diritto al salvataggio e all'accoglienza dei migranti della Procura di Agrigento, il coro di voci che hanno espresso solidarietà a quelle persone salvate, sono tutti elementi che dimostrano l'esistenza di un'Italia solidale e rispettosa delle norme, proprio nel momento in cui Salvini, invece, accusa l'equipaggio della violazione dell'ordine impartito dalla Guardia di Finanza.

La nostra Costituzione, oltre che il diritto internazionale ed il diritto del mare nello specifico, deve essere la guida di ogni azione e comportamento e di ogni interpretazione di norme di legge, ed allora è evidente che il rispetto del diritto alla vita, garantito in ogni caso dall'art. 2 Cost., oltre che dalle convenzioni internazionali, non può che prevalere rispetto a una circolare ministeriale emessa ad hoc, che appare essere, più che un atto di amministrazione, un vero e proprio atto politico.

Da qui nasce la seconda considerazione che intendiamo sottolineare: ancora una volta Salvini mette in discussione la divisione dei poteri, tra giudiziario ed esecutivo, chiedendo a gran voce addirittura l'arresto dei componenti dell'equipaggio: «Conto che questo accada», è il preoccupante messaggio che il Ministro dell'Interno lancia alla magistratura, forse rendendosi conto che la sua linea di condotta, almeno in questo caso e per il momento, è stata sconfitta.

La disumanità di Salvini, che usa per le sue finalità politiche esseri umani, deve essere combattuta con il sentimento di solidarietà e con il rispetto dei principi costituzionali, dei diritti umani e del diritto internazionale.

 

20 marzo 2019

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI