MANAGE
CERCA
Caso Gregoretti: il "dovere" di violare i diritti umani?
Redazione 5 febbraio 2020 18:35
Comunicato stampa

Il tentativo del Senatore Salvini di sviare il tema della nuova richiesta di incriminazione per sequestro di persona e altri reati, che si aggiunge a quella gi√† all'attenzione del Parlamento, verso quello di una confusa distinzione tra diritto e dovere del Ministro, √® alquanto patetico e fuorviante. Ci√≤ che deve essere valutato non √® solo se il comportamento di Salvini costituisca di per s√© "atto politico", ma se possa comunque essere considerato "atto politico" una condotta che violi i diritti umani, la libert√† e la vita delle persone. Anche a voler ammettere per un attimo, e lo si contesta recisamente, che Salvini abbia impedito gli sbarchi per motivi di sicurezza nazionale, sostenere una simile tesi porterebbe a conseguenze che fanno inorridire, perch√© autorizzerebbe, ad esempio, l'uso della tortura per ottenere da un detenuto notizie su presunti, eventuali futuri attentati alle persone ed alla sicurezza dello Stato. Lo Stato democratico si deve difendere con gli strumenti legali, proprio per segnalare la sua superiorit√† rispetto a chi delinque ed in difesa dello stato di diritto; ma nel caso in esame le persone a bordo delle navi interessate non stavano, in ogni caso, commettendo alcun reato; anzi, si trovavano in situazione di grave difficolt√†. In situazioni del genere il diritto, sia interno che internazionale, impone l'obbligo di salvataggio. Auspichiamo, dunque, che il Parlamento consenta ad un Tribunale di valutare se la condotta dell'ex ministro dell'interno costituisca atto politico e, tema ancora pi√Ļ rilevante, se l'atto politico sia svincolato dal rispetto dei diritti umani.

 

5 febbraio 2020

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI