MANAGE
CERCA
Altro in Comunicati
16.5.'23: giornata italiana della Campagna internazionale #ObjectWarCampaign per la protezione degli obiettori di coscienza russi, bielorussi e ucraini
A sostegno del diritto di sciopero - No ai licenziamenti arbitrari
25 NOVEMBRE - PENSARE ‚ÄúGLOBALMENTE‚ÄĚ ALLA LIBERT√Ä DELLE DONNE
Il Governo italiano desista dalla condotta criminale attuata presso il porto di Catania e ritiri il decreto di permanenza temporanea
Quando il pericolo viene dal legislatore
Iran: cordoglio per la morte di Mahsa Amini e condanna per le gravissime violazioni dei diritti umani in corso
Il Premio Hans Litten 2022 assegnato alla nostra Simonetta Crisci
Venerdì 23 settembre: i Giuristi Democratici al fianco di Fridays For Future nello sciopero globale per il clima
Lorenza Carlassare. Una vita intera per far vivere la Costituzione
Per una coalizione d'emergenza per la Repubblica
I Giuristi Democratici ricordano Carlo Smuraglia, giurista e partigiano, sempre dalla parte dei deboli
Un 25 aprile di resistenza alla follia della guerra
Italia e UE non alimentino il conflitto russo-ucraino e i nazionalismi, ma insistano per il dialogo. Massima solidarietà all'Anpi
Direttiva anticortei, un allarmante invito alla restrizione dell'esercizio del diritto di riunione ed espressione del pensiero
Solidarietà alla Cgil, no a limitazioni ulteriori del diritto a manifestare: difendiamo la libertà d'espressione dai fascisti
 23 pagine  (345 risultati)
I G.D. condannano l'arresto di Aytaç Ünsal
Redazione 11 dicembre 2020 16:37
I Giuristi Democratici condannano con fermezza l'arresto, avvenuto ieri, dell'avvocato turco Aytaç Ünsal, con l'utilizzo della violenza e a favore di telecamere.
L'avvocato Aytaç Ünsal, durante la sua lunga e ingiusta detenzione aveva condotto in carcere lo sciopero della fame insieme a Ebru Timtik per 213 giorni. Dopo la morte di Ebru, veniva rilasciato dall'ospedale militare dove era detenuto in condizioni inadatte alla sua condizione, ed interrompeva lo sciopero della fame.

La perizia medica sulla base della quale è stata disposta la sua scarcerazione afferma che per il pieno recupero delle funzioni vitali, cioè per uscire dal pericolo di vita, è necessario un trattamento di un anno, e dunque per tale periodo era disposta la sospensione dell'esecuzione della pena.
Invece, la serenità di cui dovrebbe godere il nostro Collega dapprima è stata interrotta nelle scorse settimane da un raid in casa sua, con perquisizione di computer e supporti informatici nell'ambito di un'operazione antiterrorismo; ieri, con il suo arresto, mentre si trovava su di un taxi, sulla base di un asserito, ma in realtà meramente strumentale, pericolo di fuga.
Il nostro Collega è stato condotto nel carcere di Edirne, e solo dopo sei ore gli è stato permesso di conferire con il suo avvocato, che gli ha scattato una foto dalla quale sono evidenti i segni di violenza subita in fase di fermo. Peraltro, non gli è stato neanche concesso di portare con sé i medicinali necessari alla sua sopravvivenza.
Chiediamo pertanto con forza l'immediata liberazione del nostro Collega e sollecitiamo le autorità italiane ed europee ad attivarsi immediatamente in tal senso.

11 dicembre 2020
ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI